LA LUNGA NOTTE DEL GATTO PAZZO E DEL SASSO ASSASSINO...MOUSSE DI YOGURT CON COMPOSTA DI FRAGOLINE DI BOSCO, UN CONTEST E DUE PREMI

By venerdì, luglio 22, 2011 ,

Ecco un post eclettico con dentro di tutto...
Venghino signori venghino, ci troviamo un racconto dell'orrore ambientato in una notte cupa e tempestosa, una deliziosa ricetta per un dolcetto fresco che... udite udite... non si cuoce in forno, la partecipazione con la suddetta ricetta ad un contest che mi piace assai perchè io adoro lo yogurt e non uno ma bensì due premi ricevuti da due amiche specialissime! 
E poi non dite che non vi stupisco con effetti speciali!
Ma andiamo con ordine, prima il raccontino. Sedetevi comode, che Stephen King in confronto è un dilettante...
Dunque, era una notte buia e tempestosa, vabbè era buia ma non proprio tempestosa, soffiava appena un po' di vento, ma si sà, la tempesta fa atmosfera.
La sottoscritta reduce da una giornata pessima in cui era accaduto l'inimmaginabile (compresa la caduta nel water dello spazzolino da denti del nano - non chiedetemi come ha fatto - e il ripescaggio dello stesso a mani nude per evitare un intervento idraulico) era cotta lessata, preda di un'emicrania fatale.
E quando si ha un'emicrania fatale non ci sono scelte: ci si deve impasticcare.
Così dopo la presa della pastiglia ero crollata a letto in un sonno semicomatoso. Prrrr...Prrrr (non è una pernacchia ma la vibrazione del cellulare). 
Messaggio dalla figlia numero 1 "ho dimenticato le chiavi, mi dovresti aprire tu quando torno...". 
Un messaggio del genere, nelle condizioni precarie in cui mi trovavo, era sufficiente a gettarmi nello sconforto. Seguito da una faccina sorridente sapeva tanto di presa per i fondelli. 
Ma tant'è che i figli "sò piezze e core" e così ho faticosamente digitato la risposta "Ok, ma fai tardi? mandami un messaggio quando stai tornando".
 Prrrrrr.....Prrrrr "certo mammina!!!". Fetente, un'altra faccina sorridente!
Ricrollo sul cuscino accanto al marito russante pensando di potermi permettere di dormire per almeno un'ora.
Sono passati solo pochi minuti quando un verso agghiacciante mi fa sobbalzare sul letto. 
Penso di aver avuto un incubo ma dopo pochi secondi  l'orrido suono si ripete. Gatti.
Faccio rapidamente l'inventario dei dormienti e mi accorgo che le due abitanti feline del forno risultano assenti.
Apro la tapparella del bagno che da sul giardino e vengo investita da uno... due... tre felini che corrono come schegge. 
Tre? Chi è il terzo incomodo? Un gatto nero delle dimensioni di un cavallo mi fissa feroce appollaiato nel lavandino. Ai suoi piedi, soffianti e ringhianti stanno Ermione e Miranda, legittime abitanti del forno. Riesco faticosamente a far uscire dal bagno le due valchirie e resto sola con l'immonda bestia. 
Almeno sette chili di peso, nero e spelacchiato, mi fissa minaccioso con il suo unico occhio giallo semaforo. Sembra uscito da un film dell'orrore. Cerco di far capire alla belva che non ce l'ho con lui, voglio solamente che esca dal mio bagno e poi dal mio giardino, ma lui mi soffia così forte che mi sposta i capelli dalla fronte.
Bisogna usare le maniere forti.
 Mi guardo intorno alla ricerca di un'arma ma la cosa più pericolosa che vedo è un flacone di shampoo alle mandorle. 
Decido di tentare il tutto per tutto. Il piano è questo: gettare addosso al gatto l'accappatoio immobilizzandolo, raccattare gatto e accappatoio e depositarli entrambi in giardino. 
E' mezzanotte e mezza, sono intontita dagli antidolorifici, anch'io come il gatto riesco a tenere aperto solo un occhio e sono pericolosamente ottimista, lo so.
Con uno scatto da pantera getto sul felino sibilante l'accappatoio, mi getto su di lui e tento di sollevare il groviglio ringhiante e...
a - non ho tenuto conto del peso notevole del felino
b- non ho tenuto conto delle unghie del suddetto
Così, nell'arco di pochi secondi mi ritrovo con un braccio segnato da una fila di quattro graffi perfettamente paralleli, mollo il gatto che si precipita fuori, inciampo nella cintura dell'accappatoio e mi ritrovo distesa per metà fuori. Faccio in tempo a vedere il gentil gatto che guardandomi con regale disprezzo fa pipì sul mio cespuglio di rosmarino.
Vabbè, almeno è uscito...
Richiudo la tapparella e dopo aver calmate le due gatte da difesa di cui sono l'orgogliosa proprietaria con una bella dose di croccantini, ripiombo a letto. La cosa sconvolgente è che, con tutto il fracasso che c'è stato, non si è svegliato nessuno. 
Appena tocco il cuscino, e nonostante mi senta tutta dolorante, ripiombo in uno stato di sonno comatoso. Prrrrr......prrrrrr..... "penso che partiremo fra cinque minuti comunque ti mando un messaggio". 
Registro l'informazione utilizzando l'unico neurone che in quel momento mi funziona, riservandomi di riattivarmi quando arriverà il messaggio della partenza definitiva.
Drinnnnnnnnnnnnnnnn.....drinnnnnnnnnnnnnnnnn.... Mi tiro su sconvolta, non è il cellulare ma è il citofono. 
Nel buio mi precipito ad aprire ma ecco che mentre sono quasi al traguardo urto con il piede contro il gigantesco sasso che usiamo per tenere ferma la porta che divide la zona giorno dalla zona notte. Spesso la corrente d'aria la fa sbattere così usiamo questa specie di dolmen raccolto durante una passeggiata in Lessinia (zona di pietre e marmi per chi non lo sapesse). 
Il dolore è lancinante e mi fa quasi perdere i sensi. Una parte di me resta abbastanza lucida da riuscire a schiacciare il tasto del citofono e aprire la porta d'ingresso prima di crollare rantolante sul pavimento. E' lì che mi trova mia figlia pochi secondi dopo...la sua prima frase è "presto, chiudi la porta... in giardino c'è un gatto enorme che mi sta inseguendo...".
Come una guerriera porto i segni della mia notte horror: una striscia di graffi sul braccio e una vistosa fasciatura che richiude un mega impacco di lasonil sul piede destro. 
Il terribile gatto nero non si è più visto, probabilmente è tornato nel castello di Dracula.... 


E ora la mousse...




INGREDIENTI
500 grammi di panna da montare
10 grammi di colla di pesce
250 grammi di yogurt bianco intero
200 grammi di zucchero a velo (o 160 grammi se, come me, usate uno yogurt già dolce, tipo "Muller"
200 grammi di fragoline di bosco (o more o lamponi)
50 grammi di zucchero

Fare ammorbidire la colla di pesce in acqua fredda per una decina di minuti.
Scaldare in un pentolino a fuoco bassissimo lo yogurt con lo zucchero a velo. Spegnere, unire la colla di pesce ben strizzata e mescolare bene.
A parte montare la panna e unirla al composto di yogurt raffreddato.
Distribuire nelle coppette e mettere in frigo almeno per due ore.
In un pentolino cuocere la frutta con lo zucchero per una ventina come per fare una marmellata, tenendo la fiamma molto bassa e mescolando spesso. Far raffreddare e disporre sulla mousse allo yogurt.
Tenere in frigo fino al momento di servire.
Con questa ricetta partecipo al contest di Silvia tutto dedicato allo yogurt nella sezione "dolci", sperando che mi perdoni per la lunghezza e per il delirio di questo post.


E non è finita qui! Cosa fate, stavate per chiudere tutto con un sospiro di sollievo? Insomma sono una signora tutta acciaccata in questo momento, permettetemi un po' di autocelebrazione! E di ringraziamenti per i due premi che mi sono stati donati.
Il primo da Simona, una ragazza che ha un blog delizioso "L'angolino di Simona". Vi consiglio di andarla a trovare. Grazie Simona!!!!

Dunque la regola del premio è che devo dirvi sette cose di me. Cosa posso dirvi che ancora non vi ho detto?
Vediamo...
1- guardo ogni giorno le previsioni del tempo. In famiglia mi prendono in giro per questo ma è una cosa di cui non riesco a fare a meno anche quando mi rendo conto che sbagliano clamorosamente!
2- conservo religiosamente tutti i numero di "Sale & Pepe": in cucina c'è uno scaffale dove li tengo divisi per stagione...
3 - soffro se qualcuno a cui voglio bene ha un problema. Devo per forza fare qualcosa...
4 - non riesco ad uscire dal supermercato senza aver comprato un sacchetto di mele e non necessariamente per mangiarle, le trovo bellissime anche come elemento decorativo.
5 - non potrei mai mangiare carne di coniglio
6 - adoro gli incensi e le candele profumate: ne ho la casa piena
7 - amo l'autunno e l'inverno: sono le due stagioni in cui sono veramente in pace con me stessa
Ed ora devo girare a dieci blog il premio. Questo è un problema perchè io lo vorrei girare a tutti i blog che seguo! Ma siccome i premi sono due posso premiare venti blog, quindi cominciamo a ragionare.
Allora, questo premio lo giro a: 



Il secondo arriva da Samaf che ha un blog di delizie, anzi di Dolcizie. Praticamente il paradiso dei golosi! Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Questo premio lo passo a:


Ecco, adesso ho finito, potete andare. Anzi, no, cosa fate ve ne andate senza neppure lasciare un commento?


You Might Also Like

31 commenti

  1. Anna, sei UNICA, questo post mi ha fatto morire... GRAZIE per averlo scritto!! Oddio, non che voglia ridere della tua notte horror, eh... è che, veramente, tutto quello che ti è successo è sul serio meglio di un film o un romanzo di King :-) Coccole alle due gatte da guardia e speriamo che il gatto demoniaco non torni a inseguire te, le gatte e tua figlia ;-)

    RispondiElimina
  2. Concordo! Ogni tuo post è garanzia di divertimento e ricette gustose, devo provarla sta mousse...
    Mi spiace per il piede, immagino che dolore!
    Scusa ma sto ancora ridendo... mi immagino te che apri la finestra... e sto gatto infame e prepotente che osa entrare in una casa non sua. Comunque sei coraggiosa io non mi ci metterei con un gatto incazzoso, l'avrei chiuso in bagno con la finestra aperta sperando di non trovarcelo la mattina dopo. Sarebbe stato un ottimo deterrente anche per eventuali ladri.

    RispondiElimina
  3. :-DDD che post!!! sono rimasta col fiato sospeso fino alla fine. Ti immagino oggi ancora provata, graffiata e con piedone dolorante gonfio e fasciato, come nei cartoni animati :-)
    Troppo reale sto film horror verità.
    Una lode a te per essere riuscita a non svegliare tuo marito chiedendo vano aiuto, perchè avrebbe fatto ancora più confusione.
    Ce l'hai fatta, oggi meriteresti riposo :-)

    RispondiElimina
  4. Che dire, mi spiace per la tua notte horror ma grazie per il premio, non me lo sarei mai aspettato...grazie grazie...p.s. finalmente uno!!!:-)

    RispondiElimina
  5. Anna, sono senza parole...E' un regalo immenso per me...davvero!!! E poi da un blog come il tuo, non può che essere dolce e delizioso!!!
    Grazie, grazie, grazie...

    Caterina@LemieScarpeRosa

    RispondiElimina
  6. Wow, sebra un racconto della piccola bottega degli orrori!!!!!!Ma ora come stai? spero meglio? so come sono dolorosi gli urti delle dita dei piedi, ma io mi limito ai telai delle porte!!!ma tu sei sempre UN PASSO AVANTI....
    Grazie per il premio Anna ne sono onorata e felice.
    A presto.

    RispondiElimina
  7. AHAHAHAHAAHHAHAHAHAHAHAAHAHAH Anna ho letto tutto d'un fiato e con un sorriso strampalato sul volto! Sei troppo forte!
    Sono entrata in casa per farmi una dose di blog perché mi sono appena presa una brutta arrabbiatura seguita da orribile spavento...
    Poi vengo da te e mi fai passare tutto.
    Grazie delle risate, della ricetta e del premio!
    ^_^

    Un abbraccio
    Diana

    RispondiElimina
  8. Te lo lasciamo eccome il commento, innanzitutto per ringraziarti del premio che posteremo presto presto e poi per dirti che la tua notte horror ci ha fatto troppo ridere...sei fantastica per come hai descritto tutto quello che è successo, è stato come essere lì! Ma com'è che i mariti non si svegliano mai? Quel gatto ci avrebbe un pochino spaventato, ma tu sei stata grande con l'accappatoio!
    Nemmeno io mangio la carne di coniglio, mai e poi mai, a Luca invece piacerebbe tanto!
    Mille baci
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. Che coraggio che hai avuto!!! Io avrei preso una bella scopa... naturalmente se non fosse stata notte fonda, se non fossi stata morta di sonno col mal di testa e se non avessi avuto una figlia che si è dimenticata le chiavi di casa!

    RispondiElimina
  10. GRAZIE CARA!!!! appena ho un secondo creo un post! grazie grazie grazie! che buona questa mousse e che notte da incubo!!! ehehehe ciao cara :-)

    RispondiElimina
  11. Ma che sorpresa inaspettata e graditaaaaa.......
    Insomma quante risate per la tua notte horror........
    Per curiosita.....visto che e' il rpimo premio che ricevo e che sono ''ignorante'' in materia......io adesso cosa devo fare?Credo di dover creare un post giusto?scusase te lo chiedo ma e' una cosa nuova per me.......

    RispondiElimina
  12. Ahhhh no...credo di aver capito come funziona.......devo scrivere le sette cose su di me e poi girare il rpemio ad altre sette blogger vero???

    RispondiElimina
  13. Cara Anna, secondo te non te lo lascio un commentino a questo tuo racconto tanto buffo quanto simpatico??? Mi spiace per la tua nottataccia ma almeno non puoi dire di non avere una vita movimentata ahahahahaahahah!! Grazie per le tue paroline carine carine nel mio post (ti ho risposto lì) e mille grazie per il premio, lo prendo felicissima e nel prossimo post lo mostro, intanto lo metto bello bello in mostra nella home!! :-)) Ottimo dolce, senza forno e super squisito!! un bacio gigantesco e buon we carissima

    RispondiElimina
  14. Una vera nottataccia, eh? Fortuna che ho un cane! Oh, Anna... a Poe gli fai un baffo! Un'altra cosa: GRAZIEEEEE!!! ;-)

    RispondiElimina
  15. Troppo divertente!!!Ma d'altra parte quando si ha a che fare con dei gatti ci si può aspettare di tutto!!Spero la ferita gattosa stia meglio e tu abbia recuperato tutto il sonno perso!!

    RispondiElimina
  16. Mia cara, tu avrai passato una notte da incubo, ma io mi sono divertita tanto, hai un modo unico di raccontare le tue avventure o disavventure!
    Congratulazioni per i premi ricevuti e grazie per aver pensato a me, sei tanto cara.
    Deliziosa la tua mousse!!!!!
    Un mega abbraccio affettuoso
    Francy

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Il tuo post mi ha fatto morire dal ridere! A partire dalla "presa della pastiglia"! Spero che gli acciacchi passino in fretta. Ti seguo, un saluto e spero vorrai passare da me. http://sognatriceabordo.blogspot.com/

    (scusa per il messaggio precedente, ma avevo fatto un errore di battitura!)

    RispondiElimina
  19. Carissima Anna.....fa un pò brutto dirlo....ma la tua disavventura mi ha fatto morire dal ridere....e me ne scuso! Grazie infinita per il premio!
    Quasi me ne dimenticavo...la mousse è eccezionale! Un bacio

    RispondiElimina
  20. Post divertentissimo :)
    Grazie per la tua ricetta: la inserisco immediatamente tra le partecipanti al mio contest!

    Un abbraccio

    Silvi

    RispondiElimina
  21. Grazie Anna, sei stata dolcissima! Grazie mille, scusa se non sono passata subito a ringraziare, ma è un periodo molto "pregno" come si dice dalle mie parti!!!
    Un abbraccio gigante!!!
    Bietolin@

    RispondiElimina
  22. un sasso assassino! quante esse! :P

    RispondiElimina
  23. Oltre a essere una brava cuoca sei anche narratrice perfette brava. I cuochi di Lucullo

    RispondiElimina
  24. Ciao, grazie per essere passata da me...e il tuo blog è eccezionale, soprattutto questo racconto semi-horror...la mia gattina non esce mai di casa (giusto passeggiate in balcone con volo annesso), quindi per fortuna non ho questi incontri notturni... A presto!!!

    RispondiElimina
  25. Grazie a tutti per i vostri commenti!!! <3
    Anna

    RispondiElimina
  26. Complimenti per i premi ricevuti ...
    poi augurissimi per il tuo onomastico (dato che ti chiami Anna) , poi la ricetta è sfiziosissima .
    Ti ringrazio per essere passata dal mio blog , mi sono insertita tra i tuoi sostenitori . baciuzzi

    RispondiElimina
  27. oggi è santa Anna giusto? Auguri da I cuochi di lucullo

    RispondiElimina
  28. siamo tuoi sostenitori..al prossimo racconto i cuochi di lucullo

    RispondiElimina
  29. Arrivo dal blog di Diana, non ti conoscevo! Il racconto è veramente spumeggiante. l'inizio mi ha ricordato quando 2 anni fà accompagnando i miei figli in bagno (bambini non toccate niente, aspettate che spruzzo il disinfettante, no non toccare nemmeno la carta igienica!) in un ristorante cinese a Parigi, mi è caduto il pacchetto delle salviette umidificate nel w.c.
    La cosa peggiore è che mi è venuto d'istinto raccoglierlo (no, non era ancora affondato!)
    a ripensarci quasi quasi vado a disinfettarmi di nuovo le mani.
    Grazie ancora per le risate.
    Silvia, Sr

    RispondiElimina
  30. Anna sei troppo forte, mi sono sbellicata dalle risate con il tuo racconto da notte horror. Grazie per il premio ne sono onorata e orgogliosa e scusa per il ritardo con cui sono passata a ritirarlo ma in questo periodo ho un sacco di casini con il lavoro. Un bacio e alla prossima !

    RispondiElimina
  31. Ciao
    è la prima volta che ti leggo e devo dire che questo post mi ha fatto morire dal ridere!!Ovviamente mi dispiace per il tuo piede e per i graffi provocati dallo scontro con quel temibile avversario peloso, però hai raccontato l'accaduto in un modo divertentissimo.L'ho riletto due volte.Mi unisco al tuo blog e se ti fa piacere passa a trovarmi,così conosci i miei due micioni:Platone (anche lui è un bestione di circa 7 chili,però è tutto bianco) e Socrate ( lui è piccino piccino, la metà di Platone!).
    Ah dimenticavo, la ricetta della mousse è ottima!
    A presto
    Cristy

    RispondiElimina

Lasciami un commento!