AVOCADO TOAST PER BLOSSOMZINE


Un post velocissimo per una ricetta altrettanto veloce ma ad altissimo indice di soddisfazione (e di salute).
Il mio avocado toast è un concentrato di antiossidanti e grassi "buoni".

L'avocado: un vero e proprio "superfood" ricco di fibre, vitamina K, acido folico, vitamina C, potassio, vitamina B5, B6 e vitamina E. E' ricco di acidi oleici (appunto i grassi buoni) ma povero di carboidrati e zuccheri.

Il salmone: ricco di omega 3, vitamine, proteine e sali minerali ha la capacità di aumentare il colesterolo HDL che contribuisce a mantenere in buona salute il nostro apparato cardiovascolare.

Semi oleosi misti: ricchi di omega 3  e omega 6, grassi "buoni", proteine, antiossidanti e fibre.

Ma, cosa più importante, è buonissimo!


INGREDIENTI
un avocado ben maturo
due fette di pane integrale
olio
sale
pepe rosa
succo di lime
un paio di ravanelli
qualche fettina di salmone affumicato
insalata e semi oleosi vari per decorare

Tostare il pane.
In una terrina schiacciare la polpa dell’avocado e condire con sale, pepe rosa, un goccio d’olio e il succo di mezzo lime.
Spalmare la polpa di avocado sul pane e guarnire con fettine di salmone e ravanelli a fettine sottili.
Decorare con qualche fogliolina di insalata, semi, un goccio d’olio e poco pepe.


E mi raccomando, andate a sfogliare il nuovo numero di Blossom zine, coloratissimo e profumato d'estate.



COCCOLE DI GIUGNO PER #SEGUILESTAGIONI


E così è cominciato giugno, il mese dell'inizio dell'estate, il mese del solstizio e delle giornate lunghe e luminose.
Mese di luce intensa, di caldo che ancora non è fastidioso, di notti brevi e di promesse.
Da piccola adoravo giugno che portava la fine della scuola e i pomeriggi di giochi all'aperto.
Da adulta devo dire che, dei mesi estivi, giugno è quello che tollero di più.
Probabilmente perchè a giugno l'estate è ancora una novità e non mi sento sulle spalle le giornate canicolari e le notti afose della Pianura Padana dove, purtroppo, vivo.

Come possiamo coccolarci a Giugno?

♥ Coccoliamoci regalandoci nuovi profumi... per noi, per sentirci fresche e piene di energie, via libera alle acque profumate al posto del solito profumo (che spesso con il caldo risulta troppo pesante e persino fastidioso). Perfette quelle agli agrumi o ai fiori d'acqua che regalano un immediato senso di freschezza.
Nuovi profumi anche per la nostra casa: amo molto rendere la mia casa "a misura di stagione" a partire dal profumo per ambienti: candele con profumazioni estive ed essenze fresche, di recente ho scoperto l'essenza di menta e ne metto sempre qualche goccia nel bruciaessenze. Il risultato è un ambiente che sa di fresco e pulito dando persino la sensazione che ci sia meno caldo...

♥ Coccoliamoci con lente colazioni in giardino durante il fine settimana. Lasciamo che il tempo scorra più lentamente e, se non abbiamo un giardino, allestiamo un piccolo angolo per la colazione estiva sul terrazzo o sul balcone: sarà quasi come essere in vacanza...




♥ Coccoliamoci con la frutta fresca... Giugno ce ne regala in abbondanza. Possiamo mangiarla così com'è oppure preparare frullati e smoothies o ancora tantissimi dolci semplici perfetti per la colazione...



♥ Coccoliamoci mangiando in modo sano... L'estate aiuta tantissimo a mantenere un regime alimentare sano e leggero senza rinunciare a mangiare bene. Regaliamoci insalatone gustose, piatti unici pieni di verdure fresche, cotture leggere e condimenti naturali...



♥ Coccoliamoci con cene all'aperto, divertendoci ad allestire una tavola a tema estivo, decorandola con fiori freschi e candele. Anche qui vale lo stesso discorso fatto per la colazione: in giardino se lo abbiamo ma anche in terrazzo o su un piccolo balcone...



♥ Coccoliamo con lunghe passeggiate nella natura, cerchiamo di trovare quei posti che, pur non essendo troppo distanti da casa, ci facciano sentire bene e ci permettano di staccare la spina per qualche ora.
Basta pochissimo: una meta nella natura, uno zaino con dentro qualche asciugamano, crema solare, qualcosa di buono da mangiare e tanta acqua.
Magari le vacanze sono ancora lontane ma queste piccole soste dallo stress quotidiano aiutano tantissimo a ricaricarci...



♥ Coccoliamoci leggendo libri leggeri: niente "mattoni" a giugno ma solo letture leggere e rasserenanti. Proviamo a usare la lettura come terapia positiva e regaliamoci romanzi lievi magari ambientati in estate e in luoghi che ci piacerebbe visitare...

♥ Infine un piccolo consiglio personale: stiamo meno sui social e guardiamoci di più intorno. Spesso i social ci presentano una realtà che non è quella vera, una realtà fatta di vacanze meravigliose, spiagge stupende, case magnifiche e uomini e donne perfetti, in gran forma e ben vestiti.
Questo a volte può farci sentire inadeguati e insofferenti verso la nostra "realtà normale" ed è difficile soffermarsi a pensare che quello che noi vediamo di facebook e instagram è solo il frutto di qualche scatto ben studiato. Cerchiamo di apprezzare la nostra realtà, i nostri momenti e quelle piccole cose semplici che ci fanno sentire bene.
L'estate è arrivata, viviamola con leggerezza!




Questo post è il mio contributo per #seguilestagionigiugno...
Ecco chi siamo, rigorosamente in ordine sparso:

♥ PENSIERI E PASTICCI - Simona
♥ LISMARYS' COTTAGE - Lisa
♥ COCCOLATIME - Enrica
♥ ALISE HOME SHABBY CHIC - Alisa
♥ LA MIA CASA NEL VENTO - Maria
♥ BEATITUDINI CULINARIE - Beatrice
♥ DUE AMICHE IN CUCINA -Miria
♥ I BISCOTTI DELLA ZIA - Consu
♥ NELLA CUCINA DI ELY - Ely
♥ COSCINA DI POLLO - Susy
♥ CRUDO E COTTO - Francesca
♥ FOTOCIBIAMO - Monica e Luca
♥ ILARIA LUSSANA... la nostra nutrizionista

E questa è la lista della spesa di giugno:


Tutti i nostri post li trovate sulla nostra pagina facebook SEGUILESTAGIONI

BRUSCHETTA CON MOZZARELLA DI BUFALA, FILETTI DI ACCIUGHE, PEPERONI CRUSCHI E OLIO AL BASILICO


Sempre di più di ritrovo ad apprezzare tutto ciò che è semplice.
Il cibo prima di tutto ma anche i vestiti, l'arredamento, lo stile di vita.
Sempre di più mi ritrovo a preferire di restare a casa a piedi nudi piuttosto che uscire ed indossare scarpe col tacco.
Ad amare gli aperitivi a due improvvisati con pane e salame piuttosto che le uscite nella folla.
Ad apprezzare un piatto di spaghetti al pomodoro invece del sushi.
Mi rendo conto che sto piano piano sfoltendo la mia vita dai rami secchi, da quello che mi fa stare male.
Seguo la regola del poco ma buono applicandola in tutti i settori.
Meglio pochi vestiti ma comodi e freschi meglio una sola crema ma che sia la migliore, meglio le unghie senza smalto ma curatissime.
Meglio un solo bicchiere di vino ma che sia un vino eccellente.
Piano piano questa semplice regola sta rendendo la mia vita più leggera e serena.
Certo, la strada è lunga ma questa semplicità, questo vivere hygge, è esattamente la mia dimensione.


E parlando di semplicità cosa c'è di più semplice di una bruschetta?
Quello che serve è che gli ingredienti siano i migliori possibili.
Il pane magari fatto in casa, la mozzarella di bufala freschissima.
Le acciughe più polpose e saporite. Io ho usato quelle del Mar Cantabrico: cercatele al supermercato, vedrete che una volta provate non vorrete più nemmeno assaggiare le altre.
E l'olio, che sia il più buono, nel mio caso impreziosito con il basilico.
Io lo preparo così:
- lavo molto bene con acqua fredda le foglie di basilico e poi le lascio asciugare
- metto uno strato di foglie in un barattolo sterilizzato e spolverizzo di sale
- copro con poco olio e poi proseguo alternando basilico, sale e olio
- termino con l'olio facendo in modo che le foglie restino ben coperte
- chiudo ermeticamente il barattolo e lascio passare una settimana prima di usare


Per preparare la bruschetta:
pane 
mozzarella di bufala
acciughe
olio al basilico
peperoni cruschi (una chicca di Dispensa Lucana)

Ho tagliato il pane a fette e l'ho tostato nel forno già caldo.
Ho condito con un filo di olio al basilico, mozzarella a pezzi, filetti di acciuha e peperoni cruschi spezzettati.
Poi ancora un filo d'olio al basilico.
Perfetta con una birra fresca ma anche con un bicchiere di vino bianco ghiacciato.



Vi racconto di Dispensa Lucana...
Ho conosciuto Aldo attraverso un amico comune e ho ricevuto da lui alcuni prodotti da assaggiare visto che gli avevo raccontato la mia profonda ignoranza riguardo i prodotti e la cucina lucana.
Adesso mi chiedo seriamente come ho fatto a vivere finora senza i peperoni cruschi... ho sprecato troppi anni e adesso mi devo rifare!
Se avete voglia di dare un'occhiata vi lascio qui sotto il link dello shop online e se decidete di comprare qualcosa dite che vi mando io :)


CHEESECAKE ALLE FRAGOLE


La festa della mamma noi l'abbiamo festeggiata di venerdì sera invece che di domenica come da tradizione e questa è stata la nostra torta.
Dovevamo trovare un momento in cui lavoro, impegni di studio e varie ed eventuali ci consentissero di ritrovarci tutti insieme seduti intorno allo stesso tavolo.
Evento che ultimamente diventa spesso alquanto complicato: chi lavora ad orari improbabili, chi prepara esami universitari da millemila crediti, chi l'università la frequenta in un'altra città...
E' il risvolto della medaglia di avere quattro figli.
E' il piccolo prezzo da pagare a fronte di risate, allegria, amore, tenerezza, confusione, vita.
Una festa della mamma in anticipo dicevo e, per la prima volta da anni, per me un piccolo bilancio e qualche riflessione.
Essere la mamma di quattro figli non è semplice ora che sono tutti "ragazzi grandi" e non lo era di certo quando erano piccoli.
Ma non c'è stato mai un momento, MAI, in cui io abbia pensato che forse la mia vita sarebbe stata più semplice senza di loro.
Questa che forse, ad occhi estranei, può sembrare una specie di strampalata e rumorosa tribù è, in realtà, il mio habitat naturale.
Sono quella che sono sicuramente grazie ai miei figli.
Loro sono stati la mia guida ed hanno scandito il mio tempo.
Sono stata bambina piccola sdraiata su un tappeto ricoperto di lego quando loro erano piccoli, sono tornata sui banchi della scuola elementare con loro e con loro ho reimparato  a leggere e scrivere.
Con loro ho riscoperto l'adolescenza con le sue ombre e le sue luci.
E' stato attraverso di loro che ho imparato tante cose e tante altre, sono certa, ne imparerò.

Per loro è valsa la pena di sentirsi dire le solite frasi fatte "ma come, un altro bambino?", di passare intere notti in bianco quando stavano male, di avere sempre la lavatrice in funzione e la cesta dei panni da lavare sempre piena, di rinunciare a vacanze e lussi, di sentirsi a volte così stanca da addormentarmi in piedi (giuro che mi è successo davvero).

Ci sono state tante risate ma anche lacrime, litigi e musi lunghi.
Cene infinite a raccontarsi la giornata, vacanze al mare con grigliate sotto il temporale, pomeriggi passati ad accompagnarli e poi andarli a riprendere con il rischio di dimenticarsene qualcuno in giro.
Notti in cui sarebbe servito un vigile per regolare il traffico fra letti, culle e lettone.
Serate passate a cercare il pupazzo del cuore smarrito senza il quale è impossibile dormire.
Momenti di grande "sorellanza" e "fratellanza" da osservare in disparte con un battito di ali di gioia nella pancia.

Facendo un bilancio di questi anni posso solo dire una cosa ai miei figli:
grazie ♥




INGREDIENTI
150 grammi di zucchero a velo vanigliato
400 grammi di fragole
200 grammi di formaggio spalmabile tipo Philadelphia
250 grammi di mascarpone
300 grammi di panna fresca da montare
4 fogli di gelatina

Per la base:
120 grammi di biscotti tipo Digestive
60 grammi di burro fuso e raffreddato

Fiori per decorare

Ho messo nel robot da cucina i biscotti e li ho ridotti in polvere.
Ho unito il burro a filo dando un giro breve per amalgamare.
Ho foderato con la carta da forno la base e il cerchio di una tortiera apribile facendo aderire bene la carta precedentemente bagnata e ben strizzata.
Ho distribuito il composto di biscotti sulla base della tortiera livellandolo bene e ho messo in frigorifero a rassodare.
Ho messo a bagno in acqua fredda i fogli di gelatina.
Ho montato la panna (tranne tre o quattro cucchiai che ho tenuto da parte.
Ho frullato metà delle fragole.
In una ciotola ho mescolato il mascarpone con il formaggio spalmabile e lo zucchero a velo.
Ho unito le fragole frullate.
Ho scaldato la panna tenuta da parte e vi ho sciolto la gelatina che ho poi unito al composto di fragole e formaggio.
Infine ho unito con delicatezza la panna montata utilizzando una spatola in silicone.
Ho tagliato a metà le fragole rimaste e le ho disposte lungo tutto il cerchio tenendo la parte tagliata verso l'esterno.
Ho versato la crema e ho livellato bene.
Ho lasciato solidificare in frigorifero per tutta la notte.
Prima di servire ho decorato con fragole e fiori.




IL CUCCHIAIO FATATO



Nella mia cucina vive un cucchiaio fatato.
E' nato dalle mani di una dolcissima fatina bionda e quindi avrei dovuto essere preparata ai suoi poteri ma, in verità, non si è mai del tutto preparati alla magia.



Quando è arrivato nella mia cucina appariva del tutto innocuo.
Bello e originale, certo ed esattamente come lo avevo voluto ma... semplicemente un cucchiaio.
Poi, col passare dei giorni, mi sono accorta che lui si trovava sempre nel posto giusto al momento giusto: era lì, sempre pronto, ogni volta in cui cercavo quel "qualcosa" che serviva a completare una foto.
Il bello è che non me ne sono resa conto finchè un giorno, guardando il file di foto scaricato dalla mia fotocamera mi sono resa conto del numero incredibile di immagini in cui lui era presente.




E non solo.
Col passare del tempo ha preso l'abitudine di scivolare nel borsone dove avevo riposto il materiale per un determinato allestimento e, quasi senza accorgermene, era naturale trovare un posto anche per lui.
Ha stazionato in un barattolo in bella vista insieme a fiori ed erbe aromatiche, ha avuto il posto d'onore sulla tavola di Natale e, per qualche strano motivo, è diventato segnalibro mentre stavo leggendo "Mondo senza fine" di Ken Follett.
Così, in una situazione per me difficile, in un momento in cui ero fragile, è finito nella mia borsa per darmi coraggio e, mentre lo stringevo fra le mani, ha catturato l'interesse di alcune persone che, come me, si trovavano nell'ultimo posto in cui avrebbero voluto essere. Ha fatto sì che nascessero conversazioni e sorrisi.
E così ha cominciato a portare la sua magia anche fuori dalla mia cucina.



Ho pensato che fosse davvero giunto il momento di presentarvelo con le dovute cerimonie e con tutta l'attenzione che si merita.
Ho pensato che fosse giusto dedicargli un piccolo post tutto suo... perchè, in qualche strano modo, è capace di compiere piccoli miracoli.
Naturalmente, dopo oggi, sono certa che farà in modo di fare capolino in molte più foto e che scivolerà con nonchalance nelle inquadrature cercando di rubare la scena ai veri soggetti.



"Sono i piccoli dettagli che sono di vitale importanza. 
Le piccole cose fanno accadere grandi cose."
(John Wooden)


Il cucchiaio fatato (e la sua magia) arrivano da 

My New Old Life

grazie Eugenia ♥



#SEGUILESTAGIONI MAGGIO: CHI SIAMO



In ritardissimo (ma ormai che ve lo dico a fare?) con il mio post per Seguilestagioni di Maggio.
Questo mese compiamo due anni e, anche se come ho già raccontato in precedenza, il mio rapporto con il web è in questo momento piuttosto controverso, questo progetto è qualcosa di cui sono veramente orgogliosa.
In questi due anni siamo cresciute, cambiate, molte sono andate via e molte sono arrivate.
Alcune sono sempre rimaste.
Io devo ringraziare il meraviglioso gruppo di donne (attualmente siamo in 14) che rende Seguilestagioni un progetto vivo ed importante dando suggerimenti e ricette per vivere secondo i ritmi delle stagioni.
Ed è per questo che ho deciso di fare una sorpresa alle mie "ragazze" raccontando qui brevemente di ognuna di loro.
Questo mese quindi il mio appuntamento con Seguilestagioni è doppio: oggi, con questo post dedicato al nostro team e lunedì 14 con le consuete "coccole".



♥♥♥♥♥


♥ Lisa... nel gruppo da quando è nato è la nostra "anima romantica", innamorata dell'Inghilterra e delle sue atmosfere, ogni mese ci regala emozioni. Per me Lisa è quel porto sereno dove rifugiarsi quando intorno è tempesta... impossibile non volerle bene.
Il suo blog è Lismary's Cottage

(foto di Lisa - Lismary's Cottage)


♥ Enrica... anche lei della "vecchia guardia" è la nostra "fotografa delle emozioni" capace di cogliere meraviglie attraverso l'obiettivo della sua macchina fotografica. Seguilestagioni deve a lei le sue immagini più belle e io devo a lei tantissime conversazioni costruttive in chat e tantissimo aiuto per la gestione di Seguilestagioni.
Il suo blog è Coccola Time

(foto di Enrica - Coccola Time)

♥ Francesca... la nostra vegan foodblogger, è con noi da marzo e rappresenta una novità importantissima per il nostro gruppo, regalandoci ogni mese ricette e consigli per una vita cruelty free oltre alle sue splendide fotografie. Francesca poi, per me, è davvero compagna di molte avventure e sono felicissima di averla con noi.
Il suo blog è Crudo e cotto

(foto di Francesca - Crudo e cotto)

♥ Simona... con noi dall'inizio è la nostra serena certezza: puntuale, professionale, piena di idee, cuoca strepitosa e bravissima fotografa. Il suo è uno dei food blog più seguiti e a ragione: immagini belle e curate, ricette precise ed infallibili, spiegazioni chiare e alla portata di tutti. Credo che Simona sia l'esatta essenza di come dovrebbe essere una food blogger. Oltre a questo è una donna straordinaria.
Il suo blog è Pensieri e pasticci

(foto di Simona - Pensieri e pasticci)

♥ Maria... la nostra poetessa dei profumi, la nostra bellissima alchimista che regala emozioni. Maria crea profumi meravigliosi solo con ingredienti naturali e, se le fotografie potessero emanare profumo, le sue sarebbero inebrianti. Si accontentano di essere bellissime, magiche. Da lei ho imparato tantissimo sulle piante e sulle loro proprietà.
Il suo blog è La mia casa nel vento



♥ Beatrice... la nostra certezza silenziosa, possiamo contare su di lei, sulla sua puntualità e sulla sua professionalità. Beatrice è una food blogger bravissima e un membro importantissimo del nostro gruppo, siamo fortunate ad averla con noi. Seguilestagioni deve a lei alcune ricette originali e cliccatissime come il liquore ai noccioli di pesca, rosmarino e cannella.
Il suo blog è Beatitudini in cucina

(foto di Beatrice - Beatitudini in cucina)


♥ Miria... per noi Miria rappresenta il legame con la cucina di territorio, in particolare la sua meravigliosa Umbria. Miria è competenza, generosità e simpatia. Ogni volta resto stupita dalle sue proposte che sanno sempre valorizzare al meglio i prodotti di stagione. Da lei c'è sempre da imparare, in particolare per quello che riguarda la produzione di conserve, confetture e bevande.
Il suo blog è 2 Amiche in cucina

(foto di Miria - 2 amiche in cucina)

♥ Ely... un vero e proprio vulcano, piena di idee e iniziative, da lei si può trovare la ricetta di un dolce meraviglioso e anche quella del sapone fatto in casa, oltre a dolcissime favole e un'atmosfera che profuma di casa e serenità. Da poco ha intrapreso la bellissima avventura dei corsi di cucina che organizza insieme ad un'amica.
Il suo blog è Nella cucina di Ely

(foto di Ely - Nella cucina di Ely)

♥ Susy... un'altra certezza del nostro gruppo, una di quelle food blogger che non annoiano mai, eclettica, vivace e originale a cominciare dal nome del suo blog fino al suo modo tutto particolare di raccontare le ricette e di abbinare gli ingredienti. Susy è la nostra parte moderna e colorata, quel guizzo di vivacità che colora la vita.
Il suo blog è Coscina di pollo

(foto di Susy - Coscina di pollo)

♥ Alisa... la nostra fatina munita di ago e filo... è l'unica fra di noi che si occupa di cucito creativo e ogni volta mi lascia senza fiato per la bellezza delle sue creazioni. In questi due anni è riuscita a creare vere e proprie magie con cotone, ago e filo accontentando tutte le amiche appassionate di cucito che ci seguono. Da pochissimo la nostra Alisa è anche entrata nel team di blogger di Casa Facile e tutte noi siamo felicissime per lei.
Il suo blog è Alisa Design

(foto di Alisa - Alisa Design)

♥ Consuelo... food blogger e "impastatrice compulsiva" come si definisce lei stessa è un'altro vulcano: fra il blog, varie collaborazioni e corsi di cucina è sempre in movimento. A breve poi, ci sarà un altro meraviglio e dolcissimo impegno, il più bello. E tutte noi di Seguilestagioni diventeremo zie...
Il blog di Consuelo è I biscotti della zia

(foto di Consuelo - I biscotti della zia)

♥ Ilaria... la nostra nutrizionista, la nostra anima scientifica. E' grazie a lei e alle sue competenze che possiamo fornire informazioni complete sulle proprietà e sui valori nutrizionali dei nostri ingredienti di stagione. Non potrò mai ringraziarla abbastanza per il tempo che ci dedica.
Trovate la nostra Ilaria qui Ilaria Lussana - Biologa nutrizionista

(dalla pagina di Ilaria)


♥ Monica... l'arrivo più recente nella nostra famiglia. Monica cucina e suo marito Luca fotografa, un'accoppiata vincente per un blog di quelli dove ci si perde fra ricette magistralmente descritte e splendidamente fotografate. Sono orgogliosa di averli in Seguilestagioni
Il blog di Monica (e Luca) è Fotocibiamo

(foto di Monica e Luca - Fotocibiamo)

Ecco, queste siamo noi.
Queste sono le blogger che sostengono e portano avanti un progetto che, a oggi, vanta numerosissimi tentativi di imitazione (anche da parte di blogger famose).
Come ha detto una di noi "viene imitato quello che funziona" e quindi vuol dire che questo procetto, questo modo di vedere le cose, questo stile di vita... funziona.

La nostra pagina facebook, dove trovate i nostri post e consigli è questa:

Vi aspettiamo

Anna ♥

PAN BRIOCHE ALL'OLIO


Quanto tempo è passato dall'ultimo post?
Non voglio nemmeno saperlo...
Paradossalmente il blog in questo periodo è spesso nei miei pensieri, pensieri che non sono sempre positivi.
Mi chiedo spesso tutto questo che senso abbia e mi rendo conto che non è certo questa la prima volta in cui ho (e condivido con voi) questi dubbi.
So di aver perso l'entusiasmo e la voglia di scrivere in questo mio piccolo spazio e so che è stato un processo lento ma inesorabile ma non riesco a capirne i motivi.
Ce ne sono tanti eppure non ce n'è nessuno.
E so che chi mi legge penserà che sono ancora più confusa del solito.
In questo momento non so precisamente cosa farò e non mi sento di programmare niente.
Ho ancora voglia di scrivere e raccontare e naturalmente di cucinare a di fotografare ma ogni volta che mi dico "dai, ricominciamo, programmiamo i post, lavoriamo con metodo" qualcosa mi blocca e improvvisamente trovo mille scuse per non mettermi al pc.



Quindi ho deciso che, in effetti, non programmerò più nulla.
I post ci saranno (o non ci saranno) secondo l'umore del momento e non prometto che sarò più presente perchè non prometto mai quello che non sono certa di poter mantenere.
Magari così imbroglio me stessa e scriverò di più... chissà...
Per adesso voglio lasciarvi questa ricetta di un pan brioche all'olio che mantiene quello che promette: profumo e morbidezza indescrivibili.
Del resto, in queste mattine di una primavera che si crede estate, è davvero bellissimo impastare il pane nella cucina inondata di luce.
Se mi dovessi osservare dall'esterno vedrei una donna a piedi nudi e con le mani sporche di farina che aspetta che sia pronto il caffè.
Vedrei una grossa labrador nera addormentata accanto a lei e un cagnolino bianco e marrone che insegue i merli in giardino.
Vedrei una donna che sta (piano piano) raggiungendo la serenità.
Se poi questa donna si siederà al computer per raccontare una storia... ecco, questo non posso saperlo...



INGREDIENTI
200 grammi di farina "0"
300 grammi di farina manitoba
100 grammi di latte appena tiepido (più 3 cucchiai)
150 grammi di acqua appena tiepida
90 grammi di olio extravergine
1 bustina di lievito di birra secco
2 uova
1 cucchiaio di miele
2 cucchiaini rasi di sale
semi di sesamo

Ho messo nella ciotola della planetaria le due farine e il lievito di birra e ho azionato un attimo per mescolare.
A parte ho mescolato l'acqua con il latte, il miele e il lievito e ho unito alla farina facendo lavorare la planetaria a velocità bassa.
Ho poi unito le uova leggermente sbattute, il sale e, piano piano, l'olio.
Ho aumentato leggermente la velocità e ho lasciato lavorare fino al completo assorbimento dell'olio, lasciando lavorare fino a che l'impasto è diventato ben compatto.
L'ho poi trasferito sul piano di lavoro e ho impastato a mano fino ad ottenere un panetto morbido ed elastico.
Ho lasciato lievitare in una ciotola leggermente unta coperta da pellicola per alimenti per circa 3 ore, ho ritrasferito sul piano di lavoro e l'ho lavorato brevemente.
Ho diviso l'impasto in tre parti uguali formando tre lunghi filoncini che ho intrecciato.
Ho inserito la treccia ottenuta in uno stampo da plumcake foderato di carta da forno sufficiente a contenerla comodamente, ho coperto con pellicola per alimenti e ho lasciato lievitare nel forno spento fino a che l'impasto è arrivato a un centimetro dal bordo (circa un'ora).
Ho pennellato la superficie con il latte e ho cosparso con i semi di sesamo.
Ho cotto il mio pan brioche nel forno preriscaldato a 180 gradi posizionandolo nella parte bassa del forno per circa 30 minuti.