HUMMUS DI CECI E CAROTE

By mercoledì, marzo 15, 2017 , , ,


Buongiorno!
Vi siete accorti che è primavera?

Ecco, questo è proprio l'attacco scemo che potrebbe fare la mia umana.
No dico, secondo te #umanadellemiezampe (visto???? ho pure imparato quella cosa... come si chiama? "astag"), secondo te, dicevo, non si sono accorti che è primavera? Che c'è il sole, fa più caldo, l'erba è cresciuta, sono spuntati i fiori, in questa casa non si mangia ciccia (no scusate, lo so che non c'entra con la primavera ma è una scomoda realtà che devo rendere nota).
In questa casa non si mangia più ciccia.
O meglio, se ne mangia troppo poca.
La vedi ai fornelli tutta impegnata che sembra Leonardo quando ha dipinto la Gioconda, la vedi tritare e sminuzzare e tu speri, ti si allarga il cuore sotto il pelo, pregusti una polpetta succulenta o una fetta di arrosto, saresti disposto ad accontentarti anche di un bocconcino di pollo...
Ma poi annusi l'aria e ti assale lo sconforto. Quella cosa che sta cuocendo nel forno non è tenera ciccia ma CAROTE!!! Capite? Caroteeeee!!!
Chi vuole mangiare le carote? Chi è che gradisce una carota? Mica siamo conigli!!!
Sono così arrabbiato che quasi quasi alzo la gamba e faccio pipì contro il divano.
Così impara.
E poi... aspetta un po'... cosa vedono i miei poveri occhi?
Quella disgraziata, fetente, traditrice della "Nera", quella specie di gigantessa puzzolente... sta sgranocchiando carote crude!!!
Ma chi è quel cane sano di mente che mangia le carote?
Ah già, lei non è un cane sano di mente. lei mangia anche il sacchetto dell'umido, cosa vuoi che siano un paio di carote?
Adesso è lì che mescola tutta contenta (l'umana non la Nera), una specie di poltiglia arancione con un'aria per niente invitante.
Ecco, l'assaggia pure e fa anche la faccia estasiata! Pure le ragazze sono entusiaste! Meno male che c'è "il ragazzino" che fa la faccia schifata! Almeno ho un alleato!
Qui la situazione sta degenerando.
Qui bisogna organizzare la rivoluzione della ciccia.
Qui bisogna protestare, usare ogni mezzo per riportare le cose al loro ordine naturale.
E l'ordine naturale delle cose è la ciccia.
Punto.
Umana, devi capire che non hai scelta.
Devi capire che renderò la tua vita un inferno e che potrai chetare la mia ira funesta solo a suon di polpette. (Va bene anche un hamburger).
Miei cari lettori, questa è una dichiarazione di guerra alla mia umana.
Siete tutti testimoni che da questo momento in poi sarò impegnato in una durissima battaglia e non mi piegherò davanti a nulla.
Scaverò buche grandi come trincee, farò pipì in tutti i luoghi proibiti, tirerò al guinzaglio, masticherò i cuscini del divano e abbaierò così tanto che ogni umano nel raggio di chilometri avrà un crollo nervoso.
Non mi arrenderò, non mi piegherò, non mi...
Ohhhhh... l'umana mi sta riempiendo la ciotola!!!!!
Corroooooo!!! Umana ti amoooo!!!

Giotto (alias L'Incorruttibile)
Chenonsiarrende(quasi)mai



******


A prescindere dai deliri del mio piccolo Giotto (a cui, vi assicuro, non manca ma la "ciccia") questa ricetta è assolutamente meravigliosa.
Arriva da uno dei blog di cucina che amo di più e la sua autrice, Alice, è una garanzia per ogni ricetta (oltre che una delle blogger più talentuose del web).
L'unico avvertimento che devo darvi è che crea davvero dipendenza, io non ho avuto pace finchè non l'ho finito e oggi pomeriggio lo rifaccio...


INGREDIENTI
1 confezione di ceci in scatola 
(io ho usato 200 grammi di ceci secchi, messi a bagno la sera prima e poi lessati per due ore)
3 carote
(le mie erano molto piccole e ne ho usate cinque)
sale grosso rosa hymalaiano
cumino nero
1 cucchiaio di curcuma
1 cucchiaio di paprika affumicata 
olio evo 
1 cucchiaio di miele
(per la versione vegana si può sostituire il miele con un cucchiaio di zucchero)
2 cucchiai di tahina
1 spicchio di aglio schiacciato


Ho lavato le carote, le ho tagliate a metà e le ho disposte in una teglia ricoperta di carta da forno.
Le ho cosparse con la paprika e il miele e ho condito con un filo d'olio e il sale rosa.
Ho cotto a 180 gradi (forno preriscaldato) fino a che le carote sono diventate tenere (c'è voluta una mezz'ora).
Ho sfornato e lasciato raffreddare.
Ho frullato insieme le carote con i ceci, l'aglio e la tahina.
Sempre frullando ho aggiunto a filo l'olio fino ad ottenere la consistenza giusta.
Ho cosparso con i semi di cumino.
Si conserva in frigorifero in un contenitore chiuso. 
E' buonissimo praticamente con tutto, noi l'abbiamo mangiato sul pane, su dei triangoli di piadina, sui crackers, con delle verdure crude e persino sulle patatine!




Trovate la ricetta originale di Alice qui: 



You Might Also Like

3 commenti

  1. Sono qua che rido come una matta, bellissimo questo post!!! E golosissimo questo hummus, secondo me Cody e Romeo se lo sbaferebbero in un secondo, come me!!!!
    Mi hai fatto scoprire un sito meraviglioso grazie! Baci

    RispondiElimina
  2. Vero Ely? Alice è fantastica...
    Un bacione a te, Cody e Romeo ♥

    RispondiElimina
  3. Buonissimo l'hummus: un po' orientale, molto meridionale!

    RispondiElimina

Lasciami un commento!