PACCHERI CON SUGO DI POMODORO PICCANTE, STRACCIATELLA DI BURRATA E BRICIOLE PICCANTI... VICINI, QUESTI (S)CONOSCIUTI...

By lunedì, giugno 22, 2015 ,




Esiste una razza al mondo fra le più temute e pericolose.
Una razza terrificante che non si può combattere con armi convenzionali. Una razza infida, feroce, impietosa e determinata a distruggere.
Si tratta dei vicini di casa.
Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, non ha avuto a che fare con un individuo di questa specie.
Si presenta con varie tipologie, tutte ugualmente letali.

Il finto buono
Una delle più pericolose. Si riconosce dal sorriso a settantasette denti di cui il cinquanta per cento costituito da zanne pericolosissime.
Il finto buono ti saluta sempre, spesso arriva anche a chiederti come stai e magari ti tiene anche aperto il cancelletto d'ingresso. Però appena ti volti trama alle tue spalle, sparla con gli altri vicini e con nonchalance lancia oggetti potenzialmente pericolosi per cani e bambini nel tuo giardino, il tutto circondato da un'aura di luce soffusa e celestiale mentre scuote la testa con riprovazione al tuo passaggio perchè lui "sa" quali nefandezze nascondi.

L'arrogante aggressivo
E' il padrone assoluto della sua proprietà, delle proprietà comuni e pure della tua proprietà. O almeno è convinto di esserlo. Decreta le regole nella sua e nella tua casa con un piglio da dittatore e la mascella stretta in segno di disprezzo.
L'arrogante aggressivo stabilisce e cambia le regole a suo uso e consumo ed è chiaro che lui ha sempre ragione e tu hai sempre torto. Se per esempio tuo figlio gioca nel tuo giardino con un amico alle quattro e mezza del pomeriggio e tu ritieni che sia un orario più che legittimo per giocare fuori lui stabilisce che gli immondi ragazzini sono elementi di disturbo per la pace del condominio, della via, del paese, dell'Italia, del mondo e dell'universo. Pure gli alieni del lontano pianeta "Machiticonosceattè" pare gli abbiano mandato un messaggio su whatsapp per chiedergli di riportare la pace ed il silenzio. Se però lui decide di ravanare nel suo box (che guarda caso sta proprio sotto la finestra della tua camera da letto) all'una di notte facendo una confusione degna di una battaglia aliena (ma quanto mi piace citare gli alieni in questo post) tu non puoi lamentarti altrimenti sei una rompiscatole e pure maleducata. L'arrogante aggressivo è anche profondamente offeso dal fatto che hai osato recintare il tuo giardino privato impedendogli così l'accesso a suo piacimento. Uno scandalo il tuo che come tale va punito.

L'urlatrice
L'urlatrice non ha bisogno di grandi presentazioni. Ogni quartiere o condominio che si rispetti ne possiede almeno una. L'urlatrice urla. Sempre. In ogni ora del giorno e della notte. I suoi momenti preferiti sono la domenica mattina verso le sette e il pomeriggio verso de due, meglio in estate quando le finestre sono tutte aperte. Non importa chi o cosa sia l'oggetto delle sue urla: un marito, i figli, l'universo... la sostanza non cambia.

Il "iononnesonullaiomifaccioifattimieiiononnehocolpa"
Personaggio subdolo e pericoloso quasi quanto il "finto buono".
Qualsiasi cosa accada non è stato lui. Qualsiasi cosa venga detta non l'ha detta lui.
Lo cogli sul fatto mentre lancia sassi al tuo cane? Non è stato lui.
Ti sbatte la tovaglia in testa riempiendoti i capelli di briciole e torsoli di mela? Stai mentendo, non è stato lui... e poi quali briciole scusa? Quali torsoli? Una visionaria sei...

Il nemico degli animali
Il nemico degli animali ha deciso da tempo che il mondo è proprietà esclusiva dell'uomo e qualsiasi altra forma vivente va estirpata senza pietà. Spesso il nemico degli animali è anche "l'arrogante aggressivo" in una combinazione letale per ogni essere vivente.
I gatti? Vanno eliminati perchè osano fare la pipì sui prati altrui.
I cani? Sono abomini della natura! Sporcano, abbaiano e puzzano.
Gli uccelli? Volano, perdono le piume e defecano per aria.
Gli insetti? Esseri immondi che vanno distrutti a colpi di bombe di insetticita e chilometri di zampirone.
Rane? Topi? Ricci? Anatre? Pipistrelli? Ma che è????? Estirpare! Estirpare!

Il nemico dei bambini
Stessa tipologia dell' arrogante aggressivo e del nemico degli animali. Spesso le tre tipologie albergano nello stesso individuo, creando un essere che avrebbe il suo habitat naturale nel deserto di ghiaccio dell'Antartide ma che purtroppo vive e si riproduce all'interno della comunità.

L'infastidito
Vive in uno stato di perenne fastidio. Prova fastidio per tutto. Non merita neppure considerazione.

Lo so, ce ne sono altri... ma mica posso citarli tutti... Abbiate pazienza, dovrei scrivere un post lungo chilometri... e ancora non basterebbe.
Fatelo voi nei commenti se siete (s)fortunati possessori di vicini di casa insopportabili adorabili.

Attenzione: ogni riferimento a persone e situazioni reali è puramente casuale. O forse no. Ma non lo saprete mai...
Attenzione 2: gli alieni citati sono amici miei e mi hanno concesso il diritto di citazione (ammesso che esista).


******



INGREDIENTI
500 grammi di paccheri
600 grammi di pomodori da sugo
200 grammi di stracciatella di burrata
quattro acciughe in salsa piccante
uno spicchio d'aglio
un ciuffo di basilico
una fetta di pane raffermo
origano
olio extravergine 
peperoncino
sale
zucchero

Ho trovato questa ricetta girovagando sul web una mattina presto, mentre bevevo il caffè in compagnia solo del cellulare. L'ho letta e mi è piaciuta un sacco l'idea però non mi sono salvata il link e non sono più stata in grado di ritrovarla. Per questo non posso citare il blog che me l'ha ispirata (e mi scuso tantissimo) e non ho potuto replicarla fedelmente. Ho creato una versione a mio uso e consumo e devo dire che è venuta buonissima.
Per prima cosa ho preparato il sugo.
Ho fatto un taglio a croce sulla buccia dei pomodori, li ho tuffati per pochi minuti in acqua bollente e poi ho eliminato la buccia e i semi. Poi li ho tritati.
In una casseruola ho fatto colorire uno spicchio d'aglio con le acciughe piccanti, ho versato i pomodori e ho condito con mezzo cucchiaino di zucchero, sale, un pizzico di peperoncino e il basilico.
Ho abbassato la fiamma, messo il coperchio e lasciato cuocere per una ventina di minuti.
A fine cottura ho versato nel sugo una bella cucchiaiata di stracciatella di burrata e ho mescolato bene per farla amalgamare.
Ho sbriciolato il pane.
In un padellino antiaderente ho versato due cucchiai d'olio e vi ho fatto dorare le briciole di pane fino a renderle croccanti e dorate.
Ho cotto i paccheri, li ho versati nella casseruola del sugo e li ho fatti insaporire bene.
Ho servito aggiungendo in ogni piatto una cucchiaiata di stracciatella di burrata, una manciata di briciole croccanti e una spolverata di origano.


Il piatto è di Villa d'Este Home

You Might Also Like

5 commenti

  1. Spassosa la tua analisi sui vicini di casa: purtroppo alcune tipologie le avevo anche io ragion per cui ad un certo punto abbiamo deciso di trasferirci in campagna! Tutta un'altra vita! Stratosferica la tua ricetta!

    RispondiElimina
  2. Deliziosa...la provero' anche se qui non penso di trovare la stracciatella di burrata ma posso farla io stracciando una burrata Anna? Spassosissimo pezzo sul buon vicinato! Bacetto

    Fulvia

    RispondiElimina
  3. ahahahah c'è qualche esemplare di questi anche nel mio condominio.
    Ricordo ad una riunione di condominio. Si erano presentati dei nuovi condomini: lui, lei, un cagnolino e un gatto. Il nemico degli animali tuonò dalla sua sedia "Se vedo il suo gatto nel mio giardino, lo faccio secco!" I poveri nuovi arrivati rimasero senza parole!
    Ottima la ricetta ;)

    RispondiElimina
  4. ehhhhh..condominio che vai gente che trovi....ammazza che boniii...i paccheri...dico.....

    RispondiElimina

Lasciami un commento!