UNA STORIA D'AMORE

By lunedì, marzo 31, 2014 , ,



Oggi voglio raccontarvi una storia d'amore.
Una storia accompagnata da immagini di fiori e cioccolato, perchè nulla è più rasserenante di un fiore e nulla è più consolatorio del cioccolato...


C'era una volta una donna, una donna molto, molto impegnata.
Aveva quattro figli e un lavoro, una casa e una vita (tanto) piena.
Questa donna aveva la certezza di non avere spazio per altro nella sua vita: i suoi figli erano ancora piccoli e assorbivano tutte le sue energie.
Dunque, un giorno d'inverno, la collega della donna trovò un annuncio on line di una associazione animalista e rimase così colpita da quello che vide da chiamare a gran voce la donna.
Sullo schermo del computer c'era la foto di una splendida gatta rossa... gli occhi così verdi da togliere il respiro.
La donna fissò quegli occhi e da quel momento non fu capace di pensare ad altro.
Finchè, una settimana dopo, i volontari dell'associazione portarono la gatta rossa a casa sua.
Tante erano le cose brutte che quella gatta aveva visto e subito.
Non si fidava più degli umani e non si lasciava toccare da nessuno.
Per questo, nonostante il suo aspetto splendido, nessuno aveva voluto adottarla.
Ma quando la donna e la gatta si guardarono negli occhi avvenne una magia: la gatta cominciò a fidarsi di lei e non smise più.


Da quel momento la gatta e la donna vissero insieme... per otto lunghi anni...
Ci furono tante cose, alcune belle ed altre brutte, ma sempre la gatta rossa fu al suo fianco.
Finchè un brutto giorno la gatta sparì.
La cercarono ovunque, la chiamarono per ore... niente... lei sembrava svanita.
La donna era disperata, le sue lacrime avrebbero potuto riempire un fiume...
Poi, una mattina di cinque giorni dopo, la gatta ritornò: scheletrica, senza forze, con le zampe quasi consumate. L'ombra di quello che era stata.
Quella sera il verdetto: la gatta era sicuramente stata chiusa da qualche parte ed era rimasta senza bere e senza mangiare per cinque giorni e cinque notti, al freddo.
Il suo organismo, già sofferente per un problema ai reni, aveva ceduto.
Aveva compiuto l'ultimo atto d'amore verso la donna riuscendo a tornare da lei, per un'ultimo saluto.
Così, in una fredda notte di marzo, la gatta chiuse gli occhi e si addormentò.
Ora riposa sotto l'ombra di un albero e tutti dicono che lei non c'è più.
Ma la donna, che l'aveva tanto amata, continua a sentirla accanto a sè.
E, a volte, con la coda dell'occhio, vede un piccolo lampo arancione che le cammina accanto...
Questa è una storia d'amore che solo chi ama o ha amato profondamente un amico a quattro zampe può comprendere.
Gli altri alzeranno le spalle mormorando "quante storie solo per un gatto!". E in questa storia loro sono quelli da compatire.


Domani vi darò la ricetta dei tartufi al cioccolato.
Li ho scelti per accompagnare questa storia perchè sono particolari: appena li assaggi senti l'amaro delle lacrime e della tristezza ma poi, quando arrivi all'interno assapori la dolcezza che solo il ricordo di chi abbiamo amato può darci...


You Might Also Like

29 commenti

  1. La tua storia è bellissima, io ho avuto un'amatissima gatta grigia della quale ti potrei parlare per ore, per cui capisco il tuo dolore e ti abbraccio, Daniela

    RispondiElimina
  2. Anna ti abbraccio e confermo ciò che dici: solo chi ha veramente amato un amico a quattro zampe può immedesimarsi nella tua storia, gli altri non capiranno e, poverini, non sanno quanto più arida sia la loro vita!

    RispondiElimina
  3. Splendido saluto... vado ad asciugarmi le lacrime, mannaggia!

    RispondiElimina
  4. Ti abbraccio, di nuovo con le lacrime agli occhi. Miranda è lì con te, ancora e ci sarà sempre. Un abbraccio Anna, un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  5. commossa dalle tue parole dolcissime ,mi rispecchio in te .....il mio grande amore rossiccio non era un micio ma un cagnolone che mi ha lasciata 2 anni fa ,ora riposa sotto un albero in giardino .....e dove lui riposa ogni primavera sboccia una rosa rossiccia come il suo manto.

    RispondiElimina
  6. ... sei stata molto fortunata sai! I gatti quando sono in quelle condizioni... si allontanano dal padrone.. lei invece è tornata da te per un ultimo saluto! Questo si che è amore infinito ed incondizionato! T abbraccio... una gattara!

    RispondiElimina
  7. <3
    con le lacrime agli occhi...

    RispondiElimina
  8. Ho seguito con tantissima emozione la tua storia su FB. Martina dopo 15 anni se n'è andata a Settembre, era una gatta impossibile e io l'adoravo… problemi ai reni anche lei, che in Medicina Cinese spesso sono legati alla paura… Come non sentirmi in comunione con te, del sentire… Se vuoi leggere la mia esperienza trovi diversi post, anche quello dove racconto come l'ho accompagnata a lasciare questa vita. Vai nella sezione Amare gli Animali.
    I gatti sono destino, loro ci raggiungono e noi li accogliamo quando c'è qualcosa di molto importante che entrambi dobbiamo darci. Ti abbraccio infinitamente.
    Flora

    RispondiElimina
  9. Ti abbraccio forte forte, solo come una che ama i suoi gatti può fare!!!<3

    RispondiElimina
  10. Tu sai come la penso e il nome che porto non è a caso.... i nostri amici animali fanno parte del nostro quotidiano in una maniera cosi silenziosa che anche quando non ci sono più noi li sentiamo.
    Noi pensa (dico noi perchè anche mio marito è convinto)... ogni tanto sentiamo ancora la nostra gatta salire sul mobile della sala... e solo lei riusciva a farlo cigolare in una certa maniera.... piango insieme a te... amica mia un abbraccio

    RispondiElimina
  11. La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali diceva Gandhi ....la grandezza di un uomo e al sua morale si giudicano dal modo in cui tratta gli animali....il resto delle persone non potrà capire e come hai detto son gli unici da compatire.
    Un bacio

    RispondiElimina
  12. Ho le lacrime agli occhi da quando ti ho letto, penso che come dici tu, lei è ancora lì vicino a te, il fatto che sia riuscita a fare ritorno a casa nonostante le sue condizioni ti deve fare capire quanto ti volesse bene e quanto volesse starti accanto.
    Un grosso ma grosso abbraccio
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  13. cara Anna, la tua gattina ti seguirà sempre...un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ieri mi sono seduta sul divano di Gaia e per un attimo ho sentito la sua presenza vicino a me....non ci hanno lasciate Anna...è solo che non le vediamo e non possiamo più coccolare le nostre gioie.
    La tua storia mi ha commossa...tanto,ti abbraccio
    Anna

    RispondiElimina
  15. Dolce Anna, mi hai fatta commuovere con questo post. Ho atteso con te durante quei terribili giorni il ritorno della tua Miranda, fino alla triste notizia. Il dolore é tanto, ma pensa che Miranda ha potuto vivere felice ed amata per ben 8 anni, dopo tutto quello che aveva passato. E so che l'ombra arancione ti seguirà per sempre. Finché un giorno, quando sarete pronti, quell'ombra tornerà a materializzarsi in un altro mucchietto di peli bisognoso di affetto. Io per 4 anni dopo la morte del mio cane non sono più riuscita a prenderne. Poi per caso ne ho preso uno e ci credi che é la reincarnazione dell'altro cane? Comportamenti talmente identici che a volte mi dimentico siano 2 cani diversi. Io sono ancora convinta che sia la mia ombra "arancione" che si é materializzata di nuovo a me. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  16. Anna, ma sai che da quando ho saputo di Miranda sto di un male......E chi non capisce l'amore per un animale, non è essere umano, ma solo qualcosa che cammina su due arti PUNTO! Ti capisco e non sai quanto. 3 anni fa è stato ritrovato morto sul portone d'ingresso Romeo, il nostro gatto adottato da tutti noi condomini, in particolare da Patrizia una mia carissima amica. Lo ha accudito, amato, lo teneva dentro il garage d'inverno la notte in una cuccia coccolosa fatta per lui perchè in casa proprio non ci voleva stare, con nessuno, era un gatto libero. Qualche anno prima era sparito e non ti dico quanto lo si cercò, finchè una sera Andrea, un ragazzo meraviglioso non ci chiamò per avvertici che lo aveva visto nel cortile. Scendemmo tutti a fare festa, era magro, malconcio, e facemmo di tutto per rimetterlo in sesto, viziandolo più ancora (se mai fosse possibile) dei nostri gatti di casa. Ma una brutta mattina lo trovammo così, e come dice Patrizia, gli hanno fatto del male e lui si è trascinato fino al suo portone. Ora riposta nel giardino dei genitori di Patrizia, nella sua cuccia, e sopra gli è stato messo un magnifico roseto bianco e, come dice sempre la mia amica, ora gioca insieme ad Andrea, scomparso tragicamente il 18 febbraio 2008. E così noi li vogliamo pensare e siamo certi che insieme sono sempre nel nostro cortile, come la tua Miranda è sempre con te. Paola

    RispondiElimina
  17. Una meravigliosa storia d'amore...
    Un caro saluto.

    Annalisa.

    RispondiElimina
  18. Mi hai commosso, ripenso alla mia Kitty... quanto mi manca...
    Un abbraccio grosso grosso <3

    RispondiElimina
  19. Un amore tanto forte non può che far commuovere!
    un forte abbraccio Anna!

    RispondiElimina
  20. Mannaggia Anna, ma quanto vuoi farmi piangere, non riesco quasi a vedere lo schermo per le lacrime che mi appannano la vista. E ripiango per il mio gatto che non c'è più dal lontano 1995. Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  21. Ciao cara un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  22. io avevo un gattone nero, Pimpo, sparito per una viaggio d'amore, tornato disastrato, si è rifocillato ed è ripartito...ma era il mio gatto preferito e lo rimpiango ancora (comunque ho due gatte, una gatta anziana anziana e un gattone castrato, 4 cuccioli nuovi nuovi e altri in arrivo... mi tengo compagnia) e si, chi dice che è solo un gatto non sa cosa si perde!
    Sandra

    RispondiElimina
  23. Capito qui da te per la prima volta, rapita dalla luce delle foto... Inizio a leggere e mi si stringe il cuore ad ogni parola, che morsa dolorosa. Hai ragione, solo chi conosce l'amore per gli animale può capire questo dolore... Non ci conosciamo, eppure vorrei allungare le braccia verso di te per un abbraccio virtuale. :(

    RispondiElimina
  24. Anna solo stasera riesco a scriverti ,perchè è da lunedì che ogni volta che vengo qui e leggo le tue parole piango come una scema! Non sono di gran conforto perchè so bene il dolore che si prova e non servono ne' le parole ne' i ragionamenti! Ti abbraccio solo forte forte commossa da questa bellissima storia d'amore !

    RispondiElimina
  25. Un abbraccio. So cosa devi aver provato, è una devastazione.

    RispondiElimina
  26. Ti capisco,ti abbraccio ....e ti voglio un po' di bene in più !

    RispondiElimina
  27. Piango ,ma so che lei è li accanto a te come il mio Romeo ,a volte anche se ho altridue gatti in casa ,mi sembra di sentirlo strusciarsi nelle mie gambe ,ti voglio bene ,un abbraccio

    RispondiElimina

Lasciami un commento!