TORTILLA CON PATATE, CARCIOFI E PECORINO... PENSANDO ALLA FAMIGLIA, QUELLA FONDATA SULL'AMORE...

By lunedì, giugno 04, 2012 ,



L'intenzione era quella di scrivere un post allegro.
Uno di quelli in cui si ride "degli urti della vita".
Ma stamattina proprio non ci riesco.
Mi sono alzata col piede sbagliato, lo stesso piede (malefico) con cui mi alzo da un po' di mattine a questa parte.
Il piede che mi fa diventare polemica, brontolona, rompiscatole.
E' che sono stanca delle ingiustizie, dell'ipocrisia, del buonismo a tutti i costi.
Sono stanca di quelle persone che praticano lo sciacallaggio morale, che hanno un tale pelo sullo stomaco da usare le tragedie per fare marketing.
Sono stanca di quei politici (tecnici?) che predicano il sacrificio per il bene comune e poi si ingozzano con buffet da 400 euro a persona.
Sono stanca di vedere che le persone come me, come voi, che pagano le tasse e conoscono il significato della parola "sacrificio", vengono lasciate sole nel momento del bisogno.
Sono stanca di sentire le parole di chi dovrebbe rappresentare la Chiesa nel mondo e che pontifica su argomenti di cui non conosce il significato, giudicando la famiglia, spiegandoci come "dovrebbe" essere la famiglia (evidentemente quella del Mulino Bianco, in cui ormai non credono più neanche i pubblicitari che l'hanno creata). La Famiglia... secondo il Papa deve essere mamma/papà/figli e stop.
Ma la famiglia, quella basata sull'amore, è anche mamma/mamma/figli oppure papà/papà/figli e. perchè no mamma/papà + figli + mamma/papà.
Infinite sono le combinazioni se nascono nel rispetto e nell'amore per i figli e per il proprio compagno/a.
Cito testualmente il mio amico Marco, The Queen Father:

"Perché è comunemente accettato che il pontefice faccia politica invece di occuparsi solo del benessere spirituale dei suoi fedeli?
Perché viene accettato come normale il fatto che un pontefice debba esortare lo stato a legiferare contro una parte della società che esiste, è numerosa e paga le tasse?
Perché viene accettato come normale che una persona che non ha mai avuto la responsabilità di prole e moglie né l'onere della precarietà finanziaria e sociale possa parlare di definizione di famiglia?
Perché tanta gente non vede quanto c'è di sbagliato in un sistema parallelo allo stato che interferisce in materie che non gli competono e tiene il nostro paese ancorato ad una realtà sociale scomparsa da almeno 50 anni?
Mi spiegate perché? Avete paura di andare all' inferno se dite la vostra? Se vi opponete? Se iniziate a dire 'NON È GIUSTO'?
Che ognuno creda a quel che vuole, la fede arricchisce ogni essere umano di profondità e sensibilità, o almeno dovrebbe, ma non lasciamo che sia la religione a legiferare per il popolo. Non siamo tutti cattolici, ma siamo tutti umani."

Meditiamo...

E adesso basta, che poi mi vengono i capelli in piedi quando mi agito...
Adesso vi lascio una cura per tutti i mali: il buon cibo.
Questo in particolare è profumato, contiene i prodotti della terra e conforta gli animi, in particolare se gustato in compagnia delle persone che amiamo: etero, gay, neri, bianchi, cristiani, buddisti, musulmani... ecc. ecc.



********************




INGREDIENTI
3 patate grosse
350 grammi di carciofi a spicchi surgelati
4 uova
mezzo bicchiere di panna fresca
100 grammi di pecorino grattugiato
50 grammi di grana grattugiato
pepe
sale
aglio (io in granuli, Tec-Al)
una manciata di prezzemolo tritato
olio extravergine

Tagliare le patate a fette. 
In una padella versare l'olio e i carciofi surgelati, unire le patate e far rosolare a fiamma vivace per 5 minuti.
Abbassare la fiamma, unire sale, pepe, mezzo cucchiaino di aglio in granuli, mettere il coperchio e portare a cottura. Profumare con il prezzemolo, spegnere e lasciare intiepidire.
In una ciotola sbattere le uova con i formaggi e la panna.
Unire i carciofi e le patate schiacciati grossolanamente con una forchetta.
Mescolare bene, ungere leggermente una teglia da forno antiaderente e versarvi il composto livellandolo bene.
Infornare per 30 minuti circa a 180 gradi.
E' buona tiepida ma anche a temperatura ambiente.


You Might Also Like

19 commenti

  1. Siamo tutti molto stanchi di quello che succede intorno, chissà...
    Speriamo che non tardino a venire tempi migliori per tutti!
    Un caro abbraccio...
    Silvia

    RispondiElimina
  2. sono d'accordo con te, in tutto. E per la ricetta che dire complimenti

    RispondiElimina
  3. l'unica cosa è sperare di cambiare la mentalità almeno ai nostri figli, non ci riusciremo coi nostri padri ma coi nostri figli spero di si :)
    mi fai venire l'acquolina in bocca dalla mattina presto con queste ricette ;)

    RispondiElimina
  4. Innanzitutto grazie per la referenza al mio post, onoratissimo! Per il resto che dire, io sono molto sconcertato da come religione e politica dormano nello stesso letto e non credo esista una soluzione. Anche gli uomini di spirito sono uomini e quindi non immuni al fascino dell'interesse e del potere.

    RispondiElimina
  5. Non me ne parlare che i papa groups avevano i pullman parcheggiati sotto il mio balcone e tutti i ragazzi attraversavano la strada senza criterio, un macello, io credo ma questi gruppi mi sembravano dei fanatici tipo nei paesi poveri dove il papa ha + fans perchè la gente così non pensa ai propri guai!
    Il papa che condanna la fecondazione assistita e propone un modello di famiglia obsoleto e tutto sommato anche poco convincente. baci

    RispondiElimina
  6. Anche io ho letto il post di Marco ieri e sai, forse sbaglio ma ho deciso che non ascolto più nessuno.
    Nel mio piccolo ho sempre cercato di esprimere la mia opinione, ma i pregiudizi sono duri a morire.
    Sono più accettate le famiglie etero ma magari ipocrite fino al midollo, che non altri tipi da quelle omosessuali a quelle "allargate" dove per grazia divina si riesce ad andare tutti d'accordo, ma che si basano sull'amore e la voglia di stare insieme.
    E dire che quando all'inizio del pontificato sembrava si sarebbe aperto almeno ai divorziati ho avuto speranze di una svolta ma poi...

    Sulla politica preferisco non dire niente perchè mi vengono solo parolacce.
    Mi fanno schifo tutti, non reggo più nemmeno la Pivetti dalla Cuccarini la domenica pomeriggio.

    La lotta quotidiana è riuscire a rimanere integri, puri, sinceri, nonostante la merda che ci circonda ovunque.

    RispondiElimina
  7. Temo tu abbia lo stesso stato d'animo che hanno un po' tutti su questo argomento. Che noi, popolino, preso nella morsa delle tasse e della benzina che cresce, siamo anche gli unici a dare una mano a chi ne ha bisogno e LORO, quelli che dovrebbero cacciare i soldi, perchè le possibilità le hanno, si girano dall'altra parte, intenti a festeggiare qualcosa che oggi non è importante.
    La ricetta la provo... gnam!

    RispondiElimina
  8. Ciao Cara,
    Ho visto il tuo commento sul facebook e sono venuta a vedere il tuo post!!!
    e quando ho iniziato a leggere, mi sono fermata, ho messo su un te', ho messo un po' di ordine nella mia scrivania e mi sono messa bella comoda per poter leggere bene, ascoltando ogni parola, in fin dei conti bisogna essere obiettiva.
    E sono d'accordo, NON E' GIUSTO!!! E dico a voce alta. anch'io sono stanca di questi politici, anch'io sto facendo tantissimo sacrificio, e sinceramente non vedo un obiettivo per tutto questo, non riesco più a lavorare come consulente aziendade, non c'é più lavoro, da gennaio non percepisco uno stipendio, devo ricevere fatture dell'anno scorso.... eccc, può bastare????
    Penso di no, penso che il papa dovrebbe rappresentare quell'uomo semplice, vesito di una tunica, sandali e andava nel mezzo dei "disgraziati" e non stava chiuso nei palazzi, scrivendo dei libri, ricevendo capi si stato, ecc....... E principalmente non gestiva tantissimi soldi, "in nome di dio".......
    Be', io volevo un uomo semplice, che camminasse in mezzo a noi, che ci poteva dire parole di conforto, parole di speranze e che in un gesto di "folia" aprisse la cassaforte e prendeva un po' di soldi e inviava alle mense dei terremotati.........
    Utopia??? Penso di sì. Nulla toglie ai veri sacerdoti, che ho conosciuti tanti, e per fortuna ci sono, ma non sono nei palazzi ma in mezzo ai poveri. Uno di questi? Madre Teresa...... e tanti altri.....
    Sono stanca pure io........ e é un nostro dovere dire la parola Basta!!!! Serve un segno di cambiamento... E urgente.
    Abbiamo bisogno di UMANITà, DI GESTI CHE SONO PIù VICINI A NOI, ESSERE UMANI!!!
    Ti chiedo scusa se sono stata troppo lunga nelle mie parole, ma sono con te.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  9. Questo post è splendido e rappresenta la mia attuale linea di pensiero in maniera eccezionale, sia politica che religiosa. Ricetta a parte questo piede storto ultimamente mi sà che lo usiamo in tanti per scendere dal letto... purtroppo.

    RispondiElimina
  10. Un piatto unico davvero sfizioso e gustosissimo!! Condivido in pieno tutto quello che hai detto...Un bacione cara!

    RispondiElimina
  11. Dev'essere veramente ottima :P Proverò presto!!!
    Mi aggiungo ai tuoi followers! ;)
    Un bacione
    A presto ^^

    RispondiElimina
  12. Cara Anna come ti capisco, anzi, credo proprio che tutte noi siamo d'accordo con te..
    E se dobbiamo consolarci con il cibo questo sformato casca a pennello perchè è delizioso, immagino che buono!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. Buon lunedì!!! :) Prendo nota della ricetta (ottima tra l'altro), e rifletto un po' sulle tue parole..
    Sono pienamente e totalmente d'accordo con te ed il tuo amico Marco.
    Sono terribilmente stanca anch'io di vedere tutti predicare bene e razzolare non male, ma peggio!!! E la cosa che mi fa davvero arrabbiare, è che ormai nel nostro paese è "NORMALE".... Ma può essere normale tutto questo?? Non credo.. Anzi, non lo è, punto!
    Chissà.. Forse un giorno ci sveglieremo.....
    Nel frattempo, spero che la tua giornata migliori almeno un pochino..
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  14. Cara Anna, come hai ragione!!!!
    Tutto vero, ne abbiamo le scatole piene di tutto e di tutti!!!
    Ma siamo pronti per ribellarci o siamo ancora addormentati? Credo che molte persone non abbiano la forza e il coraggio necessario per dimostrare il loro dissenso, purtroppo...Io sono pronta, chiamatemi e vi sosterrò sempre!!
    Bacioni
    Dana et Dana
    La tua torta è favolosa.....

    RispondiElimina
  15. Chapeau per il tuo discorso, applausi dalla platea!
    Condivido in pieno. Perché siamo in un paese "laico" e tutti i giorni devo ancora sentirmi giudicato dalla Chiesa?

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  16. Per rimanere in tema,direi,... che siamo proprio arrivati alla frutta.

    RispondiElimina
  17. Sono pienamente d'accordo con quello che' hai scritto.
    La ricetta e' molto invitante.

    RispondiElimina

Lasciami un commento!