PATATE HASSELBACK

By mercoledì, ottobre 18, 2017 , ,



Sono parecchi giorni che non pubblico niente,
Eppure il materiale in archivio non mi manca, non mi mancano le foto e non mi mancano le ricette.
Quello che mi manca veramente è il tempo.
Il tempo per fare le cose con relativa calma, il tempo per organizzarmi, il tempo per gestire la mia vita e buona parte di quella dei miei figli.
Per qualche strano e malefico incantesimo tutto il tempo che credevo che avrei avuto "a figli ragionevolmente grandi" in realtà non esiste.
Cioè, se siete mamme di bambini piccoli o in età scolare e correte come matte tutto il giorno in un turbine fra scuola-compiti-sport-lezionidimusica-dentista-catechismo-pediatra-riunionideigenitori, se vivete tutto questo affanno pensando che tanto alla fine non durerà per molto e che quando cresceranno un po' le cose cambieranno... bè, levatevelo dalla testa.
Perchè quando penserete che non sarà più necessario accompagnarli ovunque, quando crederete di essere uscite dalle malefiche trappole del consiglio di classe e dei gruppi delle mamme di whatsApp, quando crederete di aver superato la tempesta... vi renderete invece conto che la tempesta vi ha inesorabilmente seguito ed ha semplicemente cambiato forma.
Quattro figli di 25-23-21 e 14 anni significano telefonate da un'altra città, treni che ritardano, autobus dispersi nella Pianura Padana, partite di basket negli orari e nei luoghi più improponibili, 12 divise da lavare con le stesse cure e attenzioni che riserveresti a una camicetta di Gucci (che hai la tachicardia quando apri la lavatrice nel terrore che si sia tirato un filo o staccato un numero...). carte ricaricabili da ricaricare (che hanno sempre il credito a zero 'tacci loro), pranzi da portare in università e panini da portare al liceo (leggero, dietetico e inodore il primo e modello "scaricatore di porto con la panza" il secondo... che poi ti sbagli e dai al figlio il panino integrale con le zucchine grigliate e alla figli la ciabatta con provolone piccante e soppressa all'aglio), e poi ricordarsi che c'è chi arriva alle 13, chi alle 13,30, chi alle 14,15 (che a te McDonalds ti spiccia casa) e visite mediche da fissare e outfit per serate importanti da decidere, interrogazioni di inglese ma anche esami di diritto internazionale e bioinformatica.
E tanto, tanto altro ancora.
E se poi aggiungiamo un lavoro, una serie di collaborazioni, due cani, tempo per potersi lavare, per le minime funzioni fisiologiche e qualche ora di sonno... ecco che il blog scivola lentamente in fondo alla classifica delle priorità.
Che poi ti guardi intorno e vedi donne perfettamente truccate, pettinate, vestite e taccate alle sette del mattino e ti chiedi dove hai sbagliato tu che rischi di uscire con i pantaloni del pigiama (quelli con lo sfondo grigio e la sagoma di tanti gattini neri), le ciabatte ciancicate dal cane (che hai un labrador che ha due tritarifiuti al posto delle ganasce), i capelli legati in cima alla testa con l'elastico di Hello Kitty (che era delle ragazze quando erano piccole ed è un peccato buttarlo che è ancora buono) e gli  occhiali sul naso perchè non hai avuto tempo di metterti le lenti a contatto (la verità è che hai così tanto sonno che potresti confonderti e infilarti negli occhi il tappo del dentifricio).
E sei sollevata perchè comunque lavori da casa e in fondo l'unico che potrebbe avere un infarto vedendoti è il postino ma tanto è anziano e puoi sempre dire che era in età a rischio.
Perchè non hai tempo di sistemarti.
IO non ho tempo.

Aggiornamento:
Questo post doveva essere pubblicato ieri ma una brutta avventura e l'altrettanto brutta situazione che si è venuta a creare mi hanno tenuta lontana dal pc.
A questo proposito voglio ringraziare la mia lettrice e amica Sabrina.
Grazie Sabrina per i tuoi consigli e per l'aiuto che mi hai dato, sei un tesoro ♥
E niente... #lemielettricisonodifferenti







INGREDIENTI
4 patate di media grandezza
4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
una noce di burro
timo tresco (o se preferite rosmarino)
sale
pepe


Una chicca tutta nordica, assolutamente da provare...

Preriscaldare il forno a 190 gradi.
Lavare e spazzolare bene le patate senza sbucciarle.
Inciderle a fettine sottili e regolari lasciandole attaccate alla base.
Far sciogliere il burro e unirlo all'olio.
Trasferire le patate in una teglia coperta di carta da forno e spennellarle bene con metà del composto di burro e olio
Mettere qualche rametto di timo fresco (o rosmarino se preferite) nelle fessure e condire bene con sale e pepe.
Cuocere per 30 minuti e poi spennellare le patate con il composto di burro e olio rimasto.
Infornare nuovamente e cuocere ancora per 25-30 minuti (il tempo varia in base alla grandezza delle patate).




You Might Also Like

6 commenti

  1. Cara Anna mi hai fatto morire dal ridere ma mi hai anche messo un po’ di ansia. Sai, io sono come un bradipo e la fretta l’ho comosciuta poche volte. Comunque, anche se non hai tempo, sei riuscita a fare delle bellissime patate e bellissime fotografie. Questa ricetta è da almeno due anni che mi dico che devo provarla e poi, vai a sapere, non la faccio mai. Un abbraccio e... ti lascio alle tue faccende.
    Buona giornata, Lorena

    RispondiElimina
  2. Anche a me hai fatto ridere cara Anna (speroche la tua brutta avventura sia nel dimenticatoio) e comunque se ti puo' consolare, anche io pensavo che quando i figli sarebbero diventati grandi avrei avuto piu' tempo (eh eh eh ah ahah!) mi sono sbagliata di brutto....ma dai consoliamoci in fondo sono la cosa piu' preziosa..ah! Pur'io ho due cani e due gatti che ricbiedono un discreto tempo anche loro ma anche in questo caso, come sarebbe senza? Niente: condannate a correre. Un saluto affettuoso Daniela-Brenanca

    RispondiElimina
  3. Anna come ti capisco...non ho 4 figli, ma una figlia una nipote due genitori anzianissimi e mio marito ...e corro corro ma tu sei bravissima e oltre a far quadrare tutto, hai anche il blog..che dire sei fantastica e lo sono anche le tue ricette 😀😀

    RispondiElimina
  4. uhhh Anna non dirmi nulla, io sono diventata un taxi ultimamente! Lasciam perdere và...e sembra sempre peggio ahimè...
    Queste patate le vorrei fare da un sacco di tempo, devo decidermi...le tue son favolose!
    bacio

    RispondiElimina
  5. Appaiono davvero invitanti nella loro semplicità. Le provo subito!

    RispondiElimina
  6. Uh....come è vero.....!!!!!Ma le patate le proviamo!!!!!

    RispondiElimina

Lasciami un commento!