CROSTATA CON CREMA DI MASCARPONE E MIRTILLI... MENTRE IL FIUME SCORRE...

By mercoledì, giugno 03, 2015 , ,


Abitare davanti al fiume fa riflettere su come, anche quando gli eventi diventano tempesta, le cose intorno continuano ad andare avanti, sempre...
Qualsiasi cosa accade intorno, il fiume continua a scorrere, a volte lento, a volte velocissimo ma sempre, continuamente, senza fermarsi mai.
Intorno a lui accadono mille cose, ve lo avevo raccontato (o meglio, ve lo aveva raccontato "lei" qui), gli innamorati passano baciandosi mano nella mano e ripassano poco dopo litigando come se non ci fosse un domani, i bambini corrono in bicicletta inseguiti da mamme trafelate che temono di dover ripescare i loro pargoli (e relative biciclette) dall'acqua non proprio limpida, uomini e donne seminudi (come mai basta appena un raggio di sole per far spogliare certe persone?) corrono veloci neanche fossero inseguiti da un'orda di nutrie assassine che in realtà (le nutrie intendo) si guardano bene dal farsi vedere, terrorizzate dagli esseri umani quasi quanto questi lo sono da loro.
Il mio piccolo Giotto corre avanti e indietro stando ben attento a non far mancare una bella abbaiata a nessuno (che non sia mai che poi qualcuno si offenda).
Mia invece si limita ad abbaiare ai gatti, ma poco, che lei non ha tempo... sta scavando in giardino una galleria che presto la porterà fino in Cina...
Il nostro amico Merlo (ormai lo scrivo con la maiuscola, è uno di famiglia, non è "un merlo" ma "il Merlo" continua nella sua missione di portare Giotto al manicomio (e con lui ogni abitante della zona esasperato dai suoi abbai isterici). Passa intere mattine a svolazzargli intorno alla testa e più di una volta ho colto un ghigno divertito sul suo becco. Sono anche certa che mi abbia strizzato l'occhio un paio di volte.
I passanti si fermano a raccogliere le more dal vecchio gelso proprio davanti al mio cancelletto anche se sono ancora acerbe e letali per l'intestino umano. Povero gelso, chissà perchè tutti quanti si sentono in dovere di fermarsi e depilarlo letteralmente... spero che almeno giustizia venga fatta a suon di mal di pancia...
Io resto lì, seduta all'ombra insieme ad un libro che non apro nemmeno, troppo distratta da quello che succede intorno.
Troppo occupata ad osservare i passanti, i miei cani, i vicini brontoloni e mio figlio che ha deciso proprio ora di smettere di essere un bambino e di cominciare ad essere un ragazzo. Non so come sia successo e comunque non ero pronta...
Io osservo... mentre il fiume continua a scorrere...


INGREDIENTI
Per il guscio di frolla:
300 grammi di farina per dolci
200 grammi di burro
100 grammi di zucchero
1 uovo intero
un pizzico di sale
un cucchiaino di estratto di vaniglia
scorza di limone grattugiata
la punta di un cucchiaino di lievito per dolci

Per la crema e il ripieno:
una vaschetta di mirtilli
100 grammi di zucchero
300 grammi di mascarpone
300 grammi di panna fresca da montare
un cucchiaio raso di zucchero a velo

Per decorare:
una vaschetta di mirtilli


L'ispirazione per questa ricetta l'ho trovata qui, in uno dei miei blog preferiti. Lei è bravissima e le foto sono splendide... vi consiglio di passare a trovarla.
Io poi l'ho adattata alle mie esigenze e agli ingredienti che avevo in casa.
Vi assicuro che è una delle torte più buone che io abbia mai assaggiato, di sicuro la rifarò anche perchè è facilissima e veloce.
Ho preparato la frolla semplicemente mettendo la farina nel mixer insieme allo zucchero, al sale, al lievito e al burro freddo a pezzetti.
Ho azionato formando un composto in briciole.
Ho aggiunto l'uovo, la scorza di limone e la vaniglia.
Ho azionato ancora giusto il tempo di far formare una "palla" che ho poi messo in frigorifero per mezz'ora.
Ho steso la frolla in uno stampo da crostata (il mio da 24 centimetri), ho tagliato via l'impasto in eccesso, l'ho coperto con un foglio di carta da forno riempito di riso (potete usare anche fagioli secchi o le classiche palline di ceramica per la cottura della frolla in bianco) e ho cotto in forno già caldo a 180 gradi per una quindicina di minuti. Poi ho tolto la carta e il riso e ho proseguito la cottura per altri dieci minuti (la frolla deve essere appena dorata).
Ho sfornato e lasciato raffreddare.
Per il ripieno ho preparato una composta cuocendo in un pentolino i mirtilli e lo zucchero per cinque-sei minuti.
Ho preparato la crema mescolando il mascarpone prima con lo zucchero a velo e poi con la panna montata.
Ho versato sul fondo del guscio di frolla prima la composta fredda e poi la crema.
Ho livellato e decorato con i mirtilli.
Dopo un paio d'ore in frigorifero era perfetta.



Il piatto azzurro è di Villa d'Este Home
I piattini bianchi e blu sono di Rue de la Brocante

You Might Also Like

2 commenti

  1. Aaahhhhh!! Ma questa crostata è irresistibile! Devo provarla...magari usando frutta di stagione...tra un po' le mie fragole saranno pronte, speriamo :-) Grazie dell'idea!

    RispondiElimina
  2. ha un aspetto a dir poco strepitoso, deve essere una delizia...poi adesso che la frutta trionfa, si può anche variare gusto...magari farla con le pesche... ;)
    Buon fine settimana

    RispondiElimina

Lasciami un commento!