FOCACCIA CON POMODORINI E OLIVE NERE... GIOTTO E IL MERLO...

By venerdì, maggio 15, 2015 , , , ,


C'era una volta un cagnolino bianco e marrone.
Era piccino, nemmeno dieci chili di cagnino, ma credeva di essere un alano.
Gironzolava fra casa e giardino con fare da bullo, abbaiando a qualsiasi intruso (vero o immaginario).

C'era una volta anche un merlo.
Un merlo allegro e sbarazzino e pure un po' dispettoso.
Uno di quei merli che fischiano con fare da padroni e svolazzano provocatori sulla testa dei cagnolini bulli ma tanto ingenui.



Vi avevo già parlato di loro l'anno scorso qui ma mai avrei pensato che con l'arrivo di una nuova primavera il piccolo merlo sarebbe tornato nel mio giardino per divertirsi ancora a prendere in giro lo sprovveduto cagnolino.
E invece eccoli lì, il merlo nero che svolazza intorno al cagnolino ululante, finge quasi di posarsi sulla testa dello sprovveduto per poi volare in alto mentre i denti del malcapitato mordono l'aria.
Passano intere mattinate così, il cagnolino a correre e saltare fino allo sfinimento e il merlo a svolazzare leggero.
Posso giurarvi che c'è un lieve ghigno divertito sul becco del merlo mentre si posa su un ramo irraggiungibile per il povero Giotto e lo osserva stramazzare al suolo con la lingua penzoloni.
E mi fa così pena il piccolo Giotto che lo chiamo per una carezza e un biscottino... ma lui ha fretta, prende il biscottino, muove la sua piccola coda in segno di ringraziamento e poi torna al suo posto, dal suo nemico/amico con una forza nuova e una nuova fiducia "prima o poi lo prenderò".




Mia ed io li osserviamo, annoiata lei (poco interessata a queste sfide tutte maschili preferisce sradicare senza pietà le poche piante rimaste) e intenerita io... mentre questa primavera matura velocemente verso l'estate e l'odore del pane si spande nell'aria...

****


INGREDIENTI
200 grammi di farina Arifa - Ruggeri
una patata lessata e schiacciata
un cucchiaino di miele
due cucchiaini di sale (più quello per la superficie)
olio extravergine
origano
olive nere denocciolate
pomodorini ciliegini

Impastare in una ciotola le due farine, la patata, il lievito, il miele, il sale, due cucchiai d'olio aggiungendo acqua a filo fino ad ottenere un impasto morbido ma facile da lavorare.
Trasferirlo sulla spianatoia infarinata e lavorarlo a lungo (almeno dieci minuti).
Metterlo in un contenitore capiente, coprirlo e lasciare lievitare per circa tre ore in un luogo abbastanza fresco (non in frigo).
Riprendere l'impasto, lavorarlo ancora un po' e poi distribuirlo su una teglia unta, facendo le "fossette" con le dita.
Distribuirvi sopra le olive nere e i pomodorini.
Lasciarlo lievitare ancora per almeno un'ora.
Condire la focaccia con olio, sale e origano e infornare a 190 gradi per circa 25-30 minuti (molto dipende dalla potenza del vostro forno e dalla grandezza della teglia.



You Might Also Like

7 commenti

  1. Che morbidezza questa focaccia!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ma che meraviglia .... a quest'ora poi ...... mi sento male ..... bellissimi i cani!!!

    RispondiElimina
  3. che capolavoro di focaccia!!!!!! buonaaaaa! grazie cara, ti abbraccio lory

    RispondiElimina
  4. ...da quanto tempo non ne faccio una anche io....che voglia mi hai fatto venire, voglia di prepararla ma anche di mangiarla, eheheheh...
    Buon fine settimana, un abbraccio

    RispondiElimina
  5. gnaaaaaaaaaaaaaam!!! una domanda tecnica, posso utilizzare il mio lievito madre solido...in quali quantità?
    grazie mille

    RispondiElimina
  6. Ciao! Dopo che Sabina ha parlato così' bene di te non potevo non venirti a trovare...davvero un bel blog! complimenti...ora me lo vado a sfogliare ..Raffaella(mamma di Edo quasi 10enne e Rosa ,golden retrive di 3 anni <3)

    RispondiElimina
  7. La tua Mia fa cose "da femmine": il giardinaggio! O dici che ha intenzione di sperimentare una focaccia al rosmarino?
    A presto,
    V.

    RispondiElimina

Lasciami un commento!