POLPETTINE DI TONNO E PATATE.... VIVA IL NATALE CHE E' FINITO... PAROLA DI MIRANDA

By giovedì, gennaio 09, 2014 , ,


Ehi... c'è nessuno?
Sarà meglio aprire le finestre e arieggiare un po' che questo blog è in letargo da troppo tempo!
E, lasciatemelo dire, fosse stato per lei la situazione non sarebbe cambiata e saremmo ancora ricoperti di ragnatele.
E prima si è fatta travolgere dalla valanga delle feste natalizie (una valanga sì perchè qui il Natale mica è una faccenda normale...).
Ha cominciato a non starci più con la testa ai primi di dicembre quando ha tirato fuori scatoloni su scatoloni.
Io mi sono spaventata: "Hai visto mai che 'sta matta vuole farci traslocare ancora???".
Poi mi sono ricordata: niente trasloco... PEGGIO!!!!... era in arrivo il Natale!!!
Ma, dico io, dove la teneva tutta questa roba?
Per giorni e giorni ha delirato spacchettando, ri-impacchettando, spostando mobili, togliendo quadri mentre quello stupido d'un cane (qualcuno sa dirmi dov'erano i cani quando distribuivano i cervelli?) la seguiva ovunque saltellando tutto felice (gonzo) e ingurgitando intere decorazioni natalizie.
Poi, passata la fase "decorazione" è iniziata la fase "cuciniamo per un esercito" che è iniziata infornando biscotti come se non ci fosse un domani e si è (momentaneamente) conclusa con la lotta di quella squilibrata della mia umana contro un gigantesco e orrido volatile tutto nudo, apparentemente morto, ma sicuramente posseduto da un'entità demoniaca decisa ad impedirne la farcitura. Mentre meditavo di chiamare un bravo esorcista la "bestia" è stata infilata a forza nel forno e non ne è uscita che tre ore e mezza dopo con un aspetto completamente diverso. Confesso che il tacchino è stata l'unica cosa che mi è veramente piaciuta del Natale.
Del resto cos'altro c'è di bello?
Musica e rumori, gente che continua a parlare, un viavai continuo (ma lo sapete che questa casa non è un albergo??) e, orrore estremo, bambini.
No dico... bambini.
Quei cosi piccoli e rumorosi che si infilano le dita nel naso e poi te le passano sul pelo (!!!!).
E ti tirano la coda e vogliono prenderti in braccio.
Mostri. Ecco cosa sono. Solo a quell'essere inferiore di un cane potevano piacere. Se ne stava lì a farsi torturare con aria beata muovendo la coda e sdraiandosi a pancia in sù. Tze. Inferiore...
E adesso?
Adesso tutte le decorazioni sono state tolte (o meglio quasi tutte perchè quella matta ne ha lasciata qualcuna perchè "fanno tanto inverno...") e l'umana squilibrata udite udite è malata!
Ebbene sì, sta così tanto male che i dottore ha detto che deve stare ferma. Poi l'ha guardata negli occhi e, siccome la conosce anche troppo bene e sa che non è per niente ubbididiente, ha detto che deve stare a letto.
E lei si dispera pure! Dico io... cosa c'è di più bello che poltrire in un letto?
Ma qui stiamo parlando una tizia che fa almeno tre cose alla volta, una specie di aliena che riesce a cucinare il risotto mentre dipinge un mobile e fa ripetere la lezione all'umano piccolo. 'Na pazza.

Bene, ora vado a stendermi un pochino anch'io che la tastiera mi stanca.
Il blog l'ho riaperto, qui sotto trovate pure una ricetta che può piacere anche ai vostri felini... che dirvi di più?

Au revoir

La vostra (nobil)Gatta Miranda


******



INGREDIENTI 
160 grammi di tonno all'olio d'oliva di ottima qualità
650 grammi di patate lessate, sbucciate e schiacciate con lo schiacciapatate
una piccola acciuga sott'olio
due cucchiai di pecorino grattugiato
un uovo intero
prezzemolo
sale
pepe
pangrattato
olio extravergine

In una ciotola mescolare le patate con il tonno sminuzzato con una forchetta, l'acciuga tritata, il pecorino, l'uovo, una manciata di prezzemolo tritato, un pizzico di sale e uno di pepe.
Formare delle polpettine della grandezza di una grossa noce, passarle nel pangrattato e disporle su una teglia ricoperta di carta da forno.
Irrorare con un filo d'olio e infornare a 180 gradi per una ventina di minuti.
Lasciarle intiepidire prima di servirle.


You Might Also Like

3 commenti

  1. Oh Miranda Miranda... tu si che la sai lunga! Un saluto alla tua umana...

    RispondiElimina
  2. Che divertente, fantastica visione delle cose da parte della NobilGatta, mi ha(i) fatto tanto ridere. E ora torna a letto !!! Baci

    RispondiElimina
  3. Cara Miranda tu andresti d'accordo con il nostro Matrix che oramai si è arreso nel vedere un eterno via vai nella nostra casa e una umana che mi sa tanto simile alla tua. Ottima questa ricettina, semplice veloce e perfetta per le dopo mega abbuffate natalizie! A bientot!!! Paola

    RispondiElimina

Lasciami un commento!