TORTA DI FRAGOLE ALLO YOGURT... HO VISTO COSE CHE VOI UMANI...

By lunedì, maggio 20, 2013


Finalmente ce l'ho fatta.
Sono settimane che provo a convincerla a lasciarmi scrivere un post... ma lei niente... prende tempo, mi dice "forse" e "vedremo"... Come se non sapessi che "vedremo" è solo un modo gentile per dire "no".
Ma oggi... complice il sole che finalmente illumina la casa... lei è in altre faccende affaccendata quindi posso impadronirmi della tastiera.
Vi ricordate di me vero?
Sono la gatta Miranda e questo non è il primo post che scrivo.
La verità è che lei è un po' gelosa: ha paura che io vi piaccia più di quanto vi piace lei. Il che è logico ma voi, per carità, non fateglielo sapere!
Volevo raccontarvi l'ultima follia della mia umana, anzi, della mia famiglia umana perchè questa totale pazzia ha coinvolto tutta la famiglia, pelosi compresi...
Tutto è cominciato poco dopo Natale. Ho capito subito che c'era aria di novità. Lei di solito mette via le decorazioni di Natale il più tardi possibile e solo dopo che gli altri umani della casa le hanno fatto notare almeno un centinaio di volte che il Natale ormai è passato.
Invece quest'anno ha inscatolato le decorazioni con un'entusiasmo mai visto. Cantava anche!
E, cosa ancora più preoccupante, dopo aver inscatolato le decorazioni natalizie ha cominciato ad inscatolare anche tutto il resto!
Ogni giorno comparivano nuovi scatoloni che venivano prontamente riempiti ed etichettati. La casa si svuotava sempre più e gli scatoloni aumentavano. Un delirio!
Ho cercato più volte di farle capire che stava sbagliando tutto, che i libri e i bicchieri non erano decorazioni natalizie... ma lei niente, avanti imperterrita.
E gli altri umani le davano pure corda!
Ho iniziato a sentire le parole "trasloco" "nuova casa" e "trasferimento" e la mia preoccupazione cresceva.
Ho cercato di coinvolgere le altre gatte della casa ma quelle due sciocche non mi hanno voluta ascoltare!
Io SAPEVO che sarebbe accaduto qualcosa di ENORME, una vera CATASTROFE!
E infatti gli eventi successivi mi hanno dato ragione.
Una sera, (ormai non era rimasto praticamente più nulla da inscatolare), la mia umana ha iniziato a comportarsi in modo ancora più strano del solito: parlava da sola, scriveva liste, sgridava l'umano piccolo perchè non aveva ancora inscatolato i suoi giochi... per un attimo ho temuto che volesse inscatolare anche me... Insomma, delirava più del solito.
Il mattino dopo ha svegliato tutti quanti all'alba ed ha iniziato a smontare i letti! A quel punto ero così sconvolta che sono corsa in giardino e mi sono nascosta in un cespuglio, decisa a non uscire finchè qualcuno non le avesse infilato una camicia di forza.
Poco dopo è arrivato il mezzo di locomozione più enorme che avessi mai visto. Hanno detto che era un "camion". Per me era un mostro e mi sono spaventata così tanto che ho fatto pipì sullo zerbino all'ingresso. La mia umana non è stata molto contenta.
Da quel momento in poi è stato il delirio.
Umani sconosciuti prendevano tutte le nostre cose e le caricavano sul mostro camion. Gli umani della famiglia correvano avanti e indietro agitando gambe e braccia, sembravano tutti impazziti.
Poi... il terrore.
Hanno infilato me e le altre due gatte nel trasportino (avete presente quella scatola con le sbarre dove ti mettono quando ti portano dall'uomo col camice che ti fa la puntura?).
Non ci hanno portate dall'uomo col camice ma in un posto sconosciuto che hanno chiamato "casa".
Ma quale casa, dico io!!! Erano forse impazziti? Non c'erano i nostri odori, non c'erano le nostre cose!
Ci hanno chiuse in una stanza (chiuse!!! vi rendete conto!!??) con le ciotole del cibo e dell'acqua e con la nostra cassettina (io però per fare dispetto la pipì l'ho rifatta sul pavimento... tanto per far capire chi comanda...).
Da dietro la porta arrivavano voci e rumori. Così è trascorsa tutta la giornata.
Quando alla fine si sono decisi ad aprirci ci siamo trovate davanti allo spettacolo più strano del mondo... roba da fare litri e litri di pipì: la casa non era più "la casa" ma dentro c'erano le nostre cose... una cosa incredibile...
Ho passato la notte ad esplorare quello strano posto... era enorme... buio e pieno di odori strani... finchè all'alba mi sono addormentata vicino all'umano piccolo che per fortuna aveva sempre il solito odore rassicurante...
Non vi dico cosa sono stati i giorni successivi...
Intanto, (cosa decisamente assurda), gli scatoloni che erano stati fatti con tanta cura sono stati disfatti e le cose riposte nei mobili. (dico io ma perchè darsi la pena di inscatolare tutto se poi bisognava tirarlo fuori di nuovo? Mah... misteri degli umani...).
Poi, per giorni, hanno girato per casa i più strani personaggi: due tizi che ascoltavano la musica a palla (infastidendo non poco la mia umana) e masticavano gomma americana... lei li chiamava "idraulici"...
Un uomo armato di martello che lei chiamava "muratore"...
Un tizio che continuava a fischiettare e a usare un oggetto rumorosissimo (ho rischiato davvero di inondare la casa di pipì ogni volta che lo accendeva...)... il tizio lei lo chiamava "elettricista" e mi ha spiegato che l'aggeggio rumoroso e infernale si chiamava "trapano".
Ma quello che mandava più fuori di testa la mia umana... che la faceva veramente (come dice lei) "andare fuori dai gangheri" era un grosso uomo con la faccia addormentata, sempre in ritardo e lento come una tartaruga... lei lo chiamava "falegname" ma in segreto lo chiamava "bradipo".
Bradipo ehm Falegname è stato una presenza costante per una decina di giorni: smontava e rimontava porte, vagava per la casa facendo calcoli astrusi, parlava da solo una lingua tutta sua e ha quasi ucciso l'umano piccolo con una trave di legno che roteava pensando di essere un ninja. La mia umana quella vola sie è arrabbiata così tanto che la faccia le è diventata viola (devo dire che è un colore che non le dona).
Finalmente ( e lentamente) il caos, l'andirivieni di strani personaggi e il nervosismo della mia umana si sono calmati.
Adesso... che posso dirvi... mi sono quasi abituata...
La casa ora è (quasi) "la casa". I rumori sono diventati familiari e così pure gli odori. Ho smesso di fare pipì sul pavimento (l'ultima pipì "fuori sede" l'ho fatta circa un mesetto fa nel camino... non chiedetemi perchè... volevo provare...). Le mie amiche gatte si sono ambientate prima di me ma si sa, loro non sono intelligenti ed evolute come me, non hanno la mia sensibilità...
La mia umana sembra tornata quella di sempre (avete notato che non ho scritto che è tornata "normale"? questo perchè lei e "normale" non possono stare vicini... "normale" poveretta, non lo sarà mai).
L'unica cosa che è cambiata è che non posso più vedere uno scatolone nemmeno da lontano! Per carità... non vorrei mai che mi "traslocassero" di nuovo!
Ora vi lascio perchè ho da fare: vado in giardino ad inseguire le farfalle (mica le mangio eh... lo faccio solo per fare un po' di sport)... spero di riuscire di nuovo a rubare il pc alla mia umana... ho sempre tantissime cose interessanti da raccontarvi! Perchè non glielo dite anche voi? Ma con delicatezza, mi raccomando, non vorrei che si offendesse!
La vostra amica
Gatta Miranda


*****

INGREDIENTI

100 grammi di yogurt greco intero
150 grammi di farina 00
50 grammi di maizena 
mezza bustina di lievito per dolci
150 grammi di zucchero più due cucchiai per la copertura
un uovo intero
110 millilitri di latte
una bustina di vanillina
un pizzico di sale
due cestini di fragole


Sbattere con le fruste elettriche l'uovo con lo zucchero, aggiungere lo yogurt, la vanillina, il lievito, il sale, le due farine ed infine il latte versato a filo.
Otterrete un composto abbastanza morbido.
Imburrare ed infarinare una tortiera coi bordi bassi e versarvi il composto.
Distribuirvi sopra le fragole (affonderanno in cottura) cospargendole con lo zucchero rimasto.
Infornare a 160 gradi (forno già caldo) per 25-30 minuti (fate la prova con uno stecchino perchè i tempi di cottura variano molto da forno a forno).
Se la servite come dolce accompagnatela con gelato o panna montata, per la colazione è perfetta così.



You Might Also Like

17 commenti

  1. Oh povera Miranda, ti capisco benissimo!!! Si, perchè anche io sono un gatto, anzi una gatta, e mi chiamo Lilli. Non vedevo l'ora di leggere di nuovo i tuoi miagolii. Sai, quando la mia umana si mette al pc amo appollaiarmi sullo schienale della poltroncina con le zampette davanti poggiate sulla sua spalla. Lei crede che stia li per stare vicina a lei, in realtà mi piace leggere e guardare tutte quelle immagini bellissime! E così avevo letto anche i tuoi miagolii. Come dicevo ti capisco benissimo, perchè io ho fatto un lunghissimo e terrificante trasloco da Torino ad Arezzo, e poi un altro dalla casa di campagna dei nonni umani a quella di città dove abitiamo adesso. Pensa che quando siamo venuti ad abitare qui ci siamo portati dietro anche quel rompiscatole di Fizzo, che voleva a tutti i costi diventarmi amico, ma io ero una signorina di tre anni e lui un moccioso di tre mesi... A dire il vero poi ho ceduto, ed ora condividiamo umani, ciotola e cuccia... e lo amo proprio come se fosse il mio cucciolo.
    Quindi Miranda ti faccio tanti auguri per la nuova casa e grazie per la ricetta della torta di fragole, credo che piacerà molto al mio umano cucciolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Lilli che piacere conoscerti!
      Ci vuole una gran pazienza sia con gli umani che con i gatti cuccioli...Non me ne parlare che qui mi hanno appioppato un cucciolo di due mesi e mezzo grasso come un vitello ed estremamente maleducato... mi tocca tollerarlo ma è una tale fatica!
      A presto!
      Miranda

      Elimina
  2. propongo un post alla settimana scritto dall'adorata Miranda!...senza offesa Anna ma è stata chiara ..ma così chiara da farmi visualizzare scatoloni e uomini con il martello..O.o..
    baci Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa carissima... grazie! Dici un post alla settimana??? Per me andrebbe benissimo ma figurati se "quella" accetterà mai...
      Miranda

      Elimina
  3. Ma quanto sei bella Miranda!!!!E scrivi benissimo, è meglio se scrivi sempre tu!!!Passami una fetta di torta...grazie , bacio!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari e Fiorella grazie per i complimenti! Modestia a parte so bene che. se solo volessi, potrei fare la gattomodella!
      La torta ve la passo anche tutta... tanto a me le fragole non piacciono...

      Elimina
  4. questa me la segno perché devo assolutamente provarla! ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, provala senz'altro: ne vale la pena e poi è facilissima
      Anna

      Elimina
  5. Ok qui urge seguirti ufficialmente!E' da un pò che ti leggo,ma nn avevo mai commentato nessun post...dopo questo è mio dovere farlo...^_^
    Cara gatta Miranda qui a casa nostra di gatti nn ne possiamo avere poichè la fanno da padrone (in tutti i sensi) 3 piccole cagnoline boriosette e ahimè ho dovuto rinunciare al mio amore per i felini....ma nn si sa mai.
    La torta la provo questo stesso pomeriggio per il mio cucciolo che adora le fragole.Un grande saluto
    Simona

    RispondiElimina
  6. Miranda sei bravissima , sto morendo dalle risate!!!!!! l'ho letto due volte (la ricetta l'ho solo guardata, sono sincera!!!) Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Embè l'avevo detto io che sono meglio di lei! Potrei scrivervi qualche ricetta a base di croccantini per gatti... Quasi quasi ci penso seriamente!
      Miranda

      Elimina
  7. Insomma ragazze per carità non incoraggiatela!!! Altrimenti chi la ferma più??? Pietà...

    RispondiElimina
  8. Eccomi...primo commento ad un blog che seguo da un annetto senza mai ufficializzare il tutto....ma dopo questo post è quantomeno doveroso,visto che sono una ex gattofila (adesso la fanno da padrone tre cagnoline snob... -_-' ma mai dire mai).
    Gatta Miranda tu sei una favolaaaa primo perchè sei rossa come me ahahaha e poi perchè hai sopportato lo stress di un trasloco...e ti capisco visto che nella mia vita ne ho fatti diversi.
    Sto preparando proprio ora la tua torta per il mio cucciolo che adora le fragole.Un forte abbraccio Sissi

    RispondiElimina
  9. Eccomi...primo commento ad un blog che seguo da un annetto senza mai ufficializzare il tutto....ma dopo questo post è quantomeno doveroso,visto che sono una ex gattofila (adesso la fanno da padrone tre cagnoline snob... -_-' ma mai dire mai).
    Gatta Miranda tu sei una favolaaaa primo perchè sei rossa come me ahahaha e poi perchè hai sopportato lo stress di un trasloco...e ti capisco visto che nella mia vita ne ho fatti diversi.
    Sto preparando proprio ora la tua torta per il mio cucciolo che adora le fragole.Un forte abbraccio Sissi

    RispondiElimina
  10. Miranda ma sei un AMOREEEEE! Quanta pazienza eh con noi umani! Tieni duro dai, tanto so che sei coccolata da tutta questa famiglia, e tra l'altro Anna fa certi piattini.....mica puoi perdere una donna così! Un bacione Anna e una bella carezza ai tuoi pelosetti!!! Paola

    RispondiElimina
  11. Ciao Miranda, piacere infinito di conoscerti. Complimenti a te e alla tua padrona per la nuova casa! Buono il dolcetto... la nostra Rosy adora la torta alle mele e ogni volta che la sforno la devo nascondere sulla mensola piùalta per non farla arrivare fin lassù! chissà se le piacerebbe anche questa torta! Una fusa al volo e a presto

    RispondiElimina
  12. ho scoperto solo oggi il vostro meraviglioso blog ... vi seguo stravolentieri, ciao! Silvia

    RispondiElimina

Lasciami un commento!