GUEST POST: GIRELLE ALLE MELE DI KATIA

By lunedì, maggio 13, 2013 , , , ,




Spesso mi viene chiesto com'è nata la mia passione per la cucina.
In realtà non c'è stato un momento preciso... è cresciuta con me...
Credo però che la prima volta in cui ho capito che cucinare è bellissimo sia stato nella cucina della mia nonna paterna: ho questo ricordo di me piccolissima (tre o quattro anni) e di lei che (pugliese doc) mi insegnava a fare le "orecchiette". Ricordo il mio stupore nel vedere le sue dita che si muovevano rapidissime creando quelle piccole, perfette, conchiglie...
Io non ho mai imparato a farle. Magari un giorno, chissà...
Però ho cercato di imparare a fare tante altre cose e ancora sto imparando a farne tante altre...
La passione per la cucina ci viene trasmessa, di questo ne sono certa. E' "una tradizione di famiglia".

E' per questo che oggi sono tanto emozionata nel presentarvi questo guest post: l'autrice (e cuoca bravissima) è mia cugina Katia che tiene alto l'onore dell'altro ramo della famiglia, quello materno.
Katia è una ragazza splendida, dentro e fuori. Allegra, solare e generosa e una mamma fantastica.
Sono un po' di parte, lo so...
Adesso lascio la parola a lei...

"Toc, toc...
Permesso...
Posso entrare? … Grazie!
Ciao a tutti!
Mi presento, mi chiamo Katia, una teenager poco più che quarantenne , di professione impiegata, moglie, ma soprattutto mamma di due meravigliosi monelli, Lorenzo di 6 anni e Davide, futuro quattrenne!
Mia mamma è sempre stata una cuoca fantastica, ed è da lei che ho ereditato il piacere di stare in cucina, anche se ad essere sinceri, non riuscirò mai a superarla :-)) !!!
Mi piace cucinare, dalle pietanze della tradizione della mia famiglia, a ricette che prevedono ingredienti a me sconosciuti o semplicemente mi piace imbattermi in nuove avventure, come quella della pasta madre.
E così, dopo un primo tentativo fallito miseramente, ho riprovato a mettere le mani in pasta e adesso sono diventata lievitonatural-dipendente...bisogna stare attenti...la pasta madre crea dipendenza!!
Con Genoveffa (la mia pm), nei fine settimana impasto di tutto, dai cornetti sfogliati, al pane (che proprio non mi viene come vorrei, uffa!) alle mie girelle, nelle quali si è imbattuta mia cugina.
Come quale cugina? Lei, proprio Lei, Annaultimissimedalforno!
Lo so, in questo momento mi sto pavoneggiando e gasando..me lo concedete vero?
Ritornando alle girelle, ho scovato la ricetta nel gruppone facebook de LA PASTA MADRE, ma non contenta del risultato, ho provato e riprovato a farle, fino a quando ho elaborato la mia personale ricetta.
Ed è a questo punto che ho ricevuto l'invito di mia cugina a fare un salto nel suo blog. Potevo forse declinarlo?
Decisamente no! Avevo solo un problema...testuali parole di mia cugina: “la ricetta dovrebbe essere spiegata in ogni passaggio, le dosi sarebbe meglio se fossero precise e ci vorrebbero un paio di foto...”
Come dov'è il problema? Le ho fatte sempre ad occhio, senza mai pesare niente...e così in una delle tante domeniche pomeriggio piovose, mi sono messa all'opera, ho iniziato a pesare e ad impastare, e visto che c'ero, ho aggiunto un paio di ingredienti.
Dovevano essere non delle girelle, ma LE GIRELLE!
Attenzione però! Sono come le ciliege...una tira l'altra!!

INGREDIENTI PER LA SFOGLIA
300 grammi di PM solida non rinfrescata
150 millilitri latte tiepido
40 grammi di zucchero (io di canna)
4 grammi di cannella in polvere
1 cucchiaino sale
130 grammi farina di kamut
170 grammi di farina Manitoba

INGREDIENTI PER IL RIPIENO
40 grammi burro
4 mele
succo di ½ limone
3 cucchiai di zucchero (io sempre di canna)
miele (facoltativo)

Lavare e mondare le mele, privarle del torsolo e tagliarle a dadini.
In un tegame mettere il burro e le mele e farle appassire a fuoco dolce, aggiungere il succo di limone e lo zucchero e farle caramellare. Lasciarle raffreddare.
Nel frattempo, in una terrina capiente, versiamo il latte e la pasta madre spezzettata, che andremo a sciogliere completamente con l'aiuto di una forchetta.
Sempre mescolando, aggiungere lo zucchero, la cannella, le due farine (miscelate insieme) poco per volta, ed infine il sale.
Impastare inizialmente con l'aiuto di una forchetta (o cucchiaio), poi rovesciare l'impasto sulla spianatoia e impastare per 10/15 minuti, fino a quando il composto non sarà diventato una bella palla liscia e omogenea. 


A questo punto dividiamo l'impasto in due, infariniamo la spianatoia, e con il mattarello stendiamo una sfoglia sottile di 3 mm circa.


Facciamo la stessa cosa con l'altro pezzo di impasto, cercando di farlo uguale al primo.
Prendiamo una sfoglia sulla quale andremo a stendere un velo di miele e sopra le nostre mele.


Ricopriamo con la seconda sfoglia (a mò di panino), sigilliamo tutto intorno e con una rotella tagliamo delle strisce larghe 3 centimetri.


A questo punto arrotoliamo la striscia come a formare un fusillo, che andremo a girare su sé stesso. Il lembo finale lo incastriamo sotto in modo da non farlo staccare.
Adagiamo le nostre rotelle su una leccarda ricoperta di carta forno, e cuociamo in forno preriscaldato a 200° per 25 minuti circa o fino a doratura."



Katia grazie!!!
Sei stata bravissima, hai spiegato ogni passaggio con chiarezza allegando anche le foto!
Ci piacerebbe conoscere altre tue ricette con la pasta madre!
Te lo chiedo qui, pubblicamente: quando ci prepari il prossimo post?

Tutte le foto sono state gentilmente fornite dall'autrice del post e sono di sua proprietà.

You Might Also Like

4 commenti

  1. Sicuramente la vostra bravura sta nel vostro DNA: anche tua cugina è bravissima cuochina pasticcina.Le sue girelle sono fantastiche. Fallo sapere alla teenager!

    RispondiElimina
  2. Sicuramente una goduria a magiarle queste girelle! Io ancora non mi sono immersa nella pasta madre.....non so se mi riesce a dirla tutta! Però Anna, mica male la tua cuginetta! Una famiglia fantastica la tua. Alla prossima. Paola

    RispondiElimina

Lasciami un commento!