MINI KRAPFEN ALLA CREMA PASTICCERA, L'INIZIO DI UNA NUOVA AVVENTURA E... TROVIAMO INSIEME IL NOME?

By martedì, febbraio 21, 2012 , , ,


Ve lo ricordate il Signor Bonaventura?
Cominciava sempre così "Qui comincia l'avventura... del Signor Bonaventura..."
Ecco, io sono così.
Cioè, immaginate un Signor Bonaventura molto più basso, senza cappello, molto spettinato e al posto del bassotto tre gatte. E con una padella in mano. E con forme più... femminili. E quei pantaloni... meglio dei jeans un po' più moderni. E vogliamo parlare della giacca? Vabbè, qualche cosina di diverso, per il resto... gemelli separati alla nascita.
E' che anch'io comincio una nuova avventura.
Un sogno che accarezzo da tempo, un'idea che mi ronza in testa e che non riesco a scacciare.
Così, complice la crisi economica che ha ridotto all'osso le prospettive e i guadagni del mio attuale lavoro, ho deciso di riciclarmi. Un po' come si fa con la plastica e il vetro. Nuova vita.

Da oggi comincio una nuova attività. Una sorta di mini-catering ancora molto, molto casalingo.
L'idea è quella di offrire un servizio di buffet dolci e salati per compleanni, feste o semplicemente un pomeriggio con le amiche. E naturalmente torte.
E poi un servizio di cuoco a domicilio se volete organizzare una cena a casa vostra.
E una serie di piatti pronti che si possono conservare nel freezer e che possono salvare la vita quando il tempo e la voglia di cucinare proprio non ci sono.
E ancora, dei mini corsi di cucina per bambini.
Insomma, le idee non mancano.

Certo, la strada è lunga e l'inizio è duro. In questi giorni mi sto muovendo per quanto riguarda la parte permessi-burocrazia e vi posso assicurare che ce n'è abbastanza per scoraggiare chiunque. Anche un'entusiasta cronica come me. Vi basti sapere che ieri, un impiegato un po' depresso mi ha chiesto "Ma è proprio sicura di volerlo fare?".
Sì. Lo voglio.
Certo so che non ci metterò un giorno e neppure una settimana. E forse neanche un mese.
Ma piano piano, passo passo. Io ce la posso fare.
Al momento sto portanto avanti anche il vecchio lavoro (ridotto ad un part time) e spesso alla sera somiglio in modo inquietante a Samara, l'orrida protagonista di The Ring (capelli a parte, abbigliamento a parte, magari non in camicia da notte, e con un po' di fondotinta a ravvivare il colorito, e... Ok, la smetto).
In ogni caso ho bisogno di voi.
Non pensate neppure di chiudere questo post e di continuare a fare quello che stavate facendo prima.
Mi serve il vostro aiuto.
Dobbiamo trovare un nome carino per la mia nuova attività.
Un'idea sarebbe quella di mantenere il nome del blog ma, non saprei.
Qui entrate in gioco voi: spremete le meningi, attivate i neuroni e trovate un nome!!!!!
Non sognatevi neppure di non lasciare un commento e una proposta qui sotto.
Guardate che io vi vedo.
Come Samara.




INGREDIENTI
(ricetta ispirata da Sale&Pepe con parecchie variazioni)
400 grammi di farina manitoba
un cubetto di lievito di birra
120 ml di latte
2 tuorli
60 grammi di zucchero
60 grammi di burro
una bustina di vanillina
olio di arachide
sale
zucchero a velo per decorare
PER LA CREMA PASTICCERA
(ricetta trovata qui, io ho dimezzato le dosi)
200 ml di panna fresca
300 ml di latte fresco
1 baccello di vaniglia
2 uova intere
40 grammi di farina (io maizena)
150 grammi di zucchero
1 pizzico di sale

Scaldare leggermente il latte (tenetene da parte mezza tazzina).
Sciogliervi il lievito di birra e mescolarlo con 120 grammi di farina.
Trasferire il composto in una ciotola, coprirlo con la pellicola e lasciarlo lievitare in luogo tiepido per quaranta minuti.
Riprendere il composto, unirvi i tuorli, 60 grammi di zucchero, la farina rimasta, il burro sciolto e intiepidito (mi raccomando, non aggiungete il burro troppo caldo, comprometterebbe la lievitazione!), un pizzico di sale e la vanillina.
Lavorare energicamente il composto (con la planetaria se l'avete o a mano come ho fatto io, usando molta forza) per almeno dieci minuti. Deve diventare molto elastico.
Trasferirlo in una ciotola, coprire con la pellicola e lasciare lievitare in luogo tiepido (io nel forno spento) per due ore.
Intanto preparare la crema pasticcera.
Scaldare in un pentolino la panna e il latte con il baccello di vaniglia aperto.
In un altro pentolino sbattere bene le uova con lo zucchero e un pizzico di sale. Aggiungere la maizena setacciata e mescolare bene. Aggiungere il latte versandolo da un passino a maglie fitte.
Mescolare sul fuoco bassissimo con una frusta a mano e spegnere quando la crema è ben addensata.
Riprendere l'impasto e lavorarlo brevemente per sgonfiarlo un po'.
Stenderlo sul piano di lavoro leggermente infarinato in una sfoglia dello spessore di mezzo centimetro.
Ricavare tanti dischetti rotondi con l'aiuto di un tagliapasta rotondo (va bene anche un bicchiere con il bordo infarinato).
Spennellare con il latte rimasto metà dei dischetti e disporvi  al centro un cucchiaino di crema pasticcera.
Coprirli con gli altri dischetti premendo leggermente i bordi per farli aderire.
Lasciare lievitare nuovamente per circa mezz'ora (anche più se volete).
Friggere i mini krapfen pochi alla volta, rigirandoli sui due lati fino a che risultano dorati con una riga chiara lungo la circonferenza.
Metterli ad asciugare su carta assorbente e cospargerli di zucchero a velo.



You Might Also Like

44 commenti

  1. beh qui ci scappa il doppio commento: da dove comincio? dal consiglio che vorrei chiederti o dal condividere e ammirare il tuo entusiasmo contagiante??? da questo ovviamente! se è del mio sotegno che hai bisogno, disponi pure! ti ammiro molto per la strada che vuoi intraprendere e sono sicura che con le tue idee e il tuo entusiasmo nessuno potrà impedirti di avre il meritatissimo successo! per il nome ...beh così a sangue freddo nn mi vengono molte idee...cuore di cucina, a cena con Anna, o anche a me piace mantenere il tuo ultimissime dal forno, rende bene la tua attività e da continuità a ciò che hai fatto finora, senza pensare che fa venire in mente tante cose buone ;)
    non credo di averti aiutata molto, ma sul mio appoggio ci puoi contare!!!
    ps ora torniamo al mio consiglio, il questito numero due: posso fare una crema al cioccolato invece della crema pasticciera? sia io che la mia bimba siamo cioccolato dipendenti :)

    RispondiElimina
  2. Che bella idea! In bocca al lupo per questa avventura (è proprio il caso di dirlo)!
    Per il nome me ne vengono in mente di insulsi... sono sicura che troverai il nome perfetto! :)

    S.

    RispondiElimina
  3. @Frasi: grazie per il sostegno! Fa bene al cuore! Secondo me la crema al cioccolato ci sta benissimo (ma anche la Nutella!!!)
    @Sognatriceabordo: grazie! ^__^

    RispondiElimina
  4. Ciao!!!
    So cosa vuol dire essere scoraggiati in partenza! Però se sei sicura di quello che vuoi, non ti fermare! Ti ammiro, è una bellissima idea...anche io ogni tanto ci penso. Fare un lavoro bello e sopratutto che ti piace! Penso sia il sogno di tutti!
    Per quanto riguarda il nome...non sono molto fantasiosa. Il nome del tuo blog può andare benissimo, poi non mi viene in mente nulla! Che frana!
    Buone questi mini-krapfen!!!
    Ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Spero proprio di farcela!!!

      Elimina
  5. Ciao carissima Anna!! Anzitutto: sei sempre di più il mio mito, ti ammiro seriamente per il tuo entusiasmo, il tuo coraggio e il tuo "ottimismo cronico" come lo chiami tu e sono con te incondizionatamente!! Anche se per il momento non ho idee geniali per il nome, mi permetto di dire che forse "Ultimissime dal forno" potrebbe non essere il nome ideale per chi non segue il tuo blog, perchè "ultimissime" si riferisce agli aggiornamenti, le notizie, le ricette pubblicate, nel caso di un servizio di catering potrebbe non essere così scontato il "collegamento", non so se mi sono spiegata. Naturalmente è un mio parere personalissimo, con tutto l'affetto che provo per il tuo blog e per il suo nome!! Però ti suggerirei di cercare un nome che abbia al suo interno ugualmente "il forno", perchè in questo modo il collegamento con il tuo blog (e viceversa) resta diretto. Per ora mi vengono solo idee stupidotte, tipo: "Il forno delle meraviglie di Anna" ( e tutte le sue varianti, tipo "Anna del forno delle meraviglie", ecc... se è anche diretto ai bimbi forse è carino!), "Delizie dal forno" (questo assomiglia al blog, ma forse è anonimo), "Un forno per amico" (è stupidissima, lo so!!!!!!!)... dai, per ora non ho altre idee migliori, mi applicherò però, promesso!! E ti abbraccio stretta per farti sentire che hai tutto il mio entusiasmo per la tua impresa, sono CERTA che ce la farai. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, grazie davvero per i tuoi suggerimenti. Sto scrivendo tutti i nomi suggeriti su un foglio e spero così di avere l'illuminazione ^___^
      E grazie per le tue belle parole e l'affetto che trovo sempre nei tuoi commenti. Un bacio

      Elimina
  6. Passo ogni tanto e ogni tanto ti rubo qualche ricetta, le stampo, me le guardo, sospiro e le metto nel cassetto. Sogno un giorno i n cui potrò mettermi a cucinare come dio comanda e non ancora e ancora bistecchine e petto di pollo con insalata e pomodori...........
    Ultimissime dal forno mi sembra un nome azzeccato, ma anch'io per i nomi ho poca fantasia.
    Ti faccio tantissimi auguri per questa nuova avventura, spero che davvero le cose possano girare al meglio per te.
    P.S. Non so di che zona sei, perchè, se tu fossi vicina, mi prenoterei subito come tua prima cliente!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gigliola... arriverà presto il giorno in cui sfornerai piatti da chef! Io abito vicino a Verona e tu?

      Elimina
  7. Ecco perchè eri sparita mi stavo preoccupando... il nome è molto importante per un'attività che apre. Ma il blog se è stato importante per la nascita di questa tua idea ragionerei proprio su questo.. magari modificandolo per l'evenienza....calcolando che il tuo posto preferito è il forno... ma d'ora in avanti sarà in viaggio verso le altre case "il forno in viaggio"... "il mio forno presso di voi"...."le ultime del mio forno in viaggio"... bohh ci vorrebbe qualcosa di immediato... ma insomma spero di averti dato qualche suggerimento utile.
    In bocca al lupo... ammiro le persone che seguono le proprie passioni e lo fanno diventare un lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il forno in viaggio... è carino ma mi ci vedi a muovermi con un forno in spalla? ^___^
      Un abbraccio e grazie per esserci sempre!!!!

      Elimina
  8. Certo che ce la farai, quell'impiegato depresso nemmeno si immagina cosa significhi tirare avanti una famiglia numerosa, lavorare fuori e dentro casa, cucinare benissimo come fai tu e non perdere l'entusiasmo per i nuovi sogni!!! Autoironia, buon gusto, generosità e un cuore pieno d'amore... questo sei tu e meriti tutto il successo che arriverà... perché arriverà, stanne certa! Un nome? A me è venuto in mente 'una cuoca per amica' perché è quello che sei per me.... <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie, grazie amica mia!!! Te l'ho già detto vero che ti voglio bene?
      Una cuoca per amica mi piace davvero molto!!!

      Elimina
  9. Che bello questo tuo sogno (che è un pò anche il mio) che si realizza. Per il nome io andrei con un classicissimo "Il forno di Anna". Un baciotto cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica... diciamo che ci sto provando a realizzarlo... grazie per il suggerimento! Lo aggiungo alla lista!
      un bacio

      Elimina
  10. Grandissima!
    Ammiro davvero chi cerca di re-inventarsi, ma sopratutto cerca di fare ciò che le piace relamente!! Complimentoni davvero!
    Per il nome , io terrei quello del blog , ma anche inserire il tuo nome (come già proprosto da qualcuno) mi piace come idea: il tuo è un nome classico per cui , associato a qualcosa che richiama la cucina , darà un che di casalingo , antiche ricette ecc ecc.
    In bocca al lupo ancora!!
    Selena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco la mia fotografa preferita!!!! Grazieeeeee!!!!

      Elimina
  11. Tanti auguri ed in bocca al lupo per la tua avventura.Ti auguro il meglio.


    Complimenti per i krapfen.

    RispondiElimina
  12. Dopo le nostre chiacchierate, sono felice di leggere quello che hai scritto. SEi grande Anna, davvero! "Delizie dal forno" che ha suggerito Silvia mi piace tantissimo.
    Adesso ho una richiesta: mi mandi un quintale di krapfen (un po' alla crema, un po' al cioccolato e qualcuno alla marmellata) a casa per favore?
    Ultima cosa: cos'hai contro la camicia da notte di Samara? Ahahaha. Un abbracio mega.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un quintale? Ma ce l'hai un freezer abbastanza grande? O te li vuoi mangiare subito??? Guarda che se te li mangi tutti poi puoi indossare solo la camicia da notte Samara!!!!! ^___^
      bacioni

      Elimina
  13. Grande Anna, sei coraggiosissima e determinata, quindi non ascoltare l'impiegato depresso!!!!
    In bocca al lupo per la tua nuova avventura e per il nome non so "NON SOLO PANE", ma forse la parola "forno" dovrebbe rimanere...????
    Sicuramente troverai tu quello giusto!!!!
    Complimenti per i krapfen, quando li manderai a casa di Antonella mi farò invitare ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara "non solo pane" è molto carino!!!
      Ecco brava, sarà meglio che qualcuno aiuti Antonella a smaltire una quintalata di krapfen!!!!

      Elimina
  14. Noooooo ora me la sognerò per almeno 3 notti la Samara coi capelli unti e bagnati! Che schifoooo!
    Io commento solo perché sotto minaccia (non è veeerooooo) e mi fa impressione sapere che mi osservi dal forno... In realtà è stato detto tutto!
    Ce la farai, ma questo è ovvio. Hai tutte le carte in regola e quelle burocratiche arriveranno.
    L'impiegato depresso..è depresso Anna, cosa volevi ti dicesse. Povero. Portagli un dolcetto e vedrai che starà subito meglio.
    Poi.. "Una cuoca per amica" mi piace da morire, brava la Miss!
    Altro? Ah si... estendi la cosa fino a Milano che conosco una tipa che ti pagherebbe l'università al nano! ahahahahahah ;)

    In bocca al lupo!
    Diana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di... ahahahahahah ^___^
      Mi sa che so chi è la tipa di cui parli!!!!
      baci
      anche da Samara... molto offesa perchè non apprezzi il suo look...

      Elimina
  15. non so se mi hanno convinto le tue parole o la ricetta...comunque il nome è azzeccatissimo quello del blog... e l'idea...GRANDE!!! xoxo L.
    p.s.in bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! Un quintale di krapfen anche per te!!!!!

      Elimina
  16. Guarda che io sono una tosta, ma veramente tosta e figurati se ti lascio scoraggiare da quattro passacarte che manco sanno se esistono o meno. La tua idea è strepitosa e posso anche dirti che proprio lo scorso anno la cugina di mio marito mi ha detto "ma perchè non fai come una nostra conoscente qui in Toscana, che io ho chiamato più volte, che cucina a casa?" E' un'ottima idea cara Anna che appoggio in pieno. Dalle nostre parti non è molto in voga ma ti posso assicurare che in altre zone esiste e funzione alla grande. Il nome....no, il nome del blog secondo me non è adatto alla tua nuova attività. Hai bisogno di qualcosa di adatto. Ummmmm......tipo "agli invitati pensaci tu che a preparare la pappa ci penso io". L'ho buttata là, in questo momento mi vengono in mente un sacco di nomi all'insegna dell'ironia ma al contempo che puntano al sodo. Beh stellina fammi sapere e nel frattempo NON SPEGNERE MAI LA LUCE DEI SOGNI. Un bacione Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola!!!! Sei grande!!! Oltre che tosta naturalmente!!!! Io li adoro i tuoi commenti, sono come un'iniezione di vitamine!!!!
      bacioni e krapfen anche per te!!!

      Elimina
  17. wow wow wow! sono senza parole! vorrei vedere il tuo sogno avverato! te lo auguro veramente! é un avventura davvero stupenda e penso che sia quello di tutte noi foodblogger! io ti supporterò in tutto il tuo cammino e non farti scoraggiare da niente o nessuno! crederemo tutti in te!
    allora...come prima cosa....di dove sei? si sa mai che potrei essere la tua prima customer... e possiamo chiudere un occhio su permessi burocrazie bla bla bla :)
    come nome ...guarda sinceramente terrei qualcosa di simle al blog.. tipo Anna e le ultimissime dal forno ... per 2 motivi : primo xke alla fine e un idea che ti sarà nata avendo questo blog e secondo perche cosi si può associare questa azienda al blog! trasformerei con calma il blog in un sito e ci metteri anche il link alla parte lavoro :)

    che italiano caccoso che ho usato..ma il senso spero l'hai capito :)

    un mega bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia carissima ti sei spiegata più che bene!!!! Grazie davvero per il tuo sostegno e per le idee (ottime)... Sapere che una foodblogger brava come te crede nel mio progetto mi fa sentire BENISSIMO!!!!!
      baci

      Elimina
  18. Anna che bello, come ti ammiro... e ti invidio anche. Un giorno mi dirai, dal punto di vista burocratico come hai fatto vero? Farai un post, nel tuo stile fortissimo e spiegherai a tutte noi come si realizza un sogno. Per ora complimenti e... io conserverei il nome del blog. E' così bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che lo farò il post... ma non aspettatevelo in tempi brevi che la burocrazia in Italia è leeeeeeentaaaaaaaaaaa.....
      baci e grazie!!!!!

      Elimina
  19. Ragazze sto prendendo nota di tutti i vostri suggerimenti! Continuate così!!!!

    RispondiElimina
  20. ... dimenticavo di dire che siete fantastiche!!!

    RispondiElimina
  21. Sei una persona temeraria, audace e sicura ed è cosi che bisogna essere per fare carriera! Questo per te sarà un grande passo che ti cambierà la vita ma in meglio, si perche trasformare la propria passione nel proprio mestiere... È la cosa piu bella!
    Per quanto riguarda il nome dell'attività... Credo che mantenere il nome del blog sia perfetto, anche. Farti pubblicità!
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Morena... grazie!!!! Temeraria, audace, sicura di sè???
      Magariiiiii!!!!! Fifona, prudente e insicura cronica è più adatto ^___^ Ma anche molto, molto TESTARDA!!!!
      baci

      Elimina
  22. Idea super, pensa che piacerebbe anche a me, ma da quel che vedo tra le mie conoscenze ci sono madri lavoratrici che cucinano mooooolto meglio di me quindi chidurei baracca in fretta. Ma per ora il mio noioso impiego da ragioniera va quindi tiro avanti così.
    Per il nome... mmmmmhhhhh boh!
    Una parola che susciti allegria, più la parola forno che già di per se è evocativa, più Anna... ci dovrei pensare un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna allegramente nel forno? Inforniamo Anna in allegria? ^___^
      baci!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    2. La seconda che hai detto!!!
      ^____________________^

      SMACK!!!!

      Elimina
  23. In bocca al lupo per la tua nuova avventura!!!

    RispondiElimina
  24. Anna sei una delle persone più entusiaste che io conosca!!! E la cosa bella è che sei contagiosa e mi viene il buonumore quando ti leggo ^-^ Auguri auguri auguri di cuore, non immagini quanto vorrei anche io trasformare questa grande passione in lavoro quindi tiferò tanto per te!!! Ehm ehm..IL FORNO GOLOSO??? Pecco un po di fantasia ma quando mi verrà qualcosa in mente tornerò da te!! Baciuzzi

    RispondiElimina
  25. Anna Anna Anna!!!!!! Sei forte, io lo sapevo!!!
    Ma quanto mi piacciono le donne iperattive... sai, quelle senza mariti "portaborse"...
    Un abbraccio e 10 milioni di in bocca al lupo! Brava!
    Silvia

    RispondiElimina

Lasciami un commento!