PAELLA ALLA VALENCIANA... E' DOMENICA, SI CUCINA!

By lunedì, giugno 20, 2011



E' di nuovo lunedì purtroppo, la giornata più brutta della settimana. Ricominciare la la settimana lavorativa con la consapevolezza che il sospirato fine settimana è lontanissimo... è qualcosa che mette a dura prova il mio proverbiale buon umore...
Anche se alla fine non è che la domenica io faccia chissà che, è la meravigliosa sensazione di poter disporre del proprio tempo (figli permettendo) che rende questo giorno speciale!
Svegliarsi senza la sveglia, sapere di non doversi chiudere in ufficio a lavorare... non ha prezzo, come dice la famosa pubblicità!
Certo, ci sono le figlie da ascoltare, il nanetto che vuole giocare, il marito da coccolare, la casa da pulire, la mamma e la sorella a cui telefonare, le amiche da messaggiare... ma soprattutto è il momento di cucinare!
Il giorno della ricetta, come lo chiamano a casa mia, perchè da un po' di tempo (complice il blog) quando posso provo a sperimentare. Ieri l'esperimento è stato una paella niente male. Era la prima volta che mi cimentavo nella preparazione di questo piatto, ho lavorato per un paio d'ore ma ne è valsa la pena.
La paella mi ricorda una delle prime vacanze con mio marito, allora fidanzato, su una delle isole Canarie, la più piccola e ventosa: Fuerteventura. Sono passati tanti anni ma ancora ricordo l'entusiasmo di prendere l'aereo e volare verso due settimane di sole e mare solo noi due. Ecco, forse l'entusiasmo di volare era solo mio visto che mio marito detesta prendere l'aereo e può affrontare un volo (anche se breve) solo debitamente stordito da ansiolitici e tisane calmanti, ma una volta atterrati e una volta smaltiti gli psicofarmaci la vacanza era stata splendida. A testimoniare quelle due settimane ci sono un sacco di foto che mi ritraggono sulle dune di sabbia delle meravigliose spiagge dell'isola in tutte le pose possibili che può assumere una donna in costume da bagno. E' interessante notare come, nelle vacanze degli anni successivi, il numero di foto che mi ritraggono sia progressivamente diminuito. Il marito ha iniziato a sostituitre la mogliettina con soggetti diversi: paesaggi, figli e anche qualche animale (?)... Forse dovremmo fare un discorsetto...
In effetti in questi giorni sono un po' sensibile su certi argomenti: sto leggendo un libro (a dire il vero assurdo) che racconta di come una moglie quarantenne scopre che il marito la tradisce con una donna più giovane ma che fisicamente è identica a lei, o meglio, è identica a lei quindici anni prima. La somiglianza è così palese che le altre persone addirittura le scambiano. Solo il marito (che evidentemente ha il quoziente intellettivo di un broccolo, con tutto il rispetto per i broccoli) non si rende conto della somiglianza e così le due decidono di scambiarsi i ruoli, ingannando il marito-amante-broccolo anche se ancora non ho capito a che scopo. Ammetto che mi innervosisce un po' leggere di tradimenti di mariti quarantacinquenni e sto guardando con occhi sospettosi il mio di marito, il quale, beatamente ignaro di tutto, comincia a chiedersi perchè ogni sera lo scruto come un agente di C.S.I....



INGREDIENTI PER 6 PERSONE
500 grammi di riso (scegliete un riso per risotti, che tenga bene la cottura)
300 grammi di petto di pollo tagliato a dadini
2 salsicce (meglio piccanti) spellate e tagliate a piccoli pezzi
200 grammi di lonza o filetto di maiale tagliato a dadini
500 grammi di gamberi freschi
4 o 5 calamari
500 grammi di cozze
6 grossi scampi o gamberoni
200 grammi di piselli surgelati
1 peperone giallo
1 peperone rosso
una cipolla tritata
uno spicchio d'aglio
due bicchieri di vino bianco
800 ml di brodo (io ho usato del granulare vegetale)
due cucchiaini di paprika
due bustine di zafferano
olio extravergine d'oliva
prezzemolo fresco

La vera difficoltà del preparare la paella è la lunghezza della preparazione. Gli ingredienti vanno cotti separatamente prima di assemblarli. Conviene prepararla solo se si ha un po' di tempo disponibile e tanta pazienza.
Prima di tutto bisogna pulire il pesce: lavare e sgusciare i gamberi togliendo il filettino nero, pulire i calamari e tagliarli ad anelli, raschiare le cozze e metterle in una padella col coperchio per farle aprire. Infine eliminare le valve vuote e tenerle da parte.
In una padella scaldare un giro d'olio con lo spicchio d'aglio, farlo rosolare, toglierlo e mettere nella padella gli anelli di calamaro. Dopo un paio di minuti aggiungere i gamberi, sfumare con un bicchiere di vino bianco e cuocere per due-tre minuti. Tenere da parte.
In un'altra padella soffriggere con un po' d'olio la cipolla tritata, aggiungere il petto di pollo e poi la lonza e infine la salsiccia. Rosolare un paio di minuti e aggiungere il vino bianco rimanente. Portare a cottura, aggiungere un cucchiaino di paprica spegnere e tenere da parte.
Scottare per tre-quattro minuti i piselli surgelati. Scolarli e tenerli da parte.
Arrostire nel forno caldo i peperoni interi. Spellarli, tagliarli a filetti e tenerli da parte. (per facilitare quest'operazione farli prima raffreddare in un sacchetto di carta: la pellicina si staccherà quasi da sola).
Preparare il brodo e aggiungervi le due bustine di zafferano e l'altro cucchiaino di paprica mescolando bene.
Prendere una grossa padella dal fondo robusto e con i due manici in metallo perchè possa andare in forno (la paellera che si può sostituire con una teglia da forno capiente e rotonda) e mescolarvi all'interno i pesci con il loro sughetto (tranne le cozze), le carni col loro condimento, i piselli e i peperoni. Aggiungere il riso crudo e coprire a filo con il brodo. Sopra disporre gli scampi ancora crudi. Sigillare con della carta stagnola e infornare a 200 gradi per 25-30 minuti.
Trascorso questo tempo togliere la carta stagnola e, se il brodo non fosse del tutto assorbito, far asciugare il liquido restante sul fornello.
Aggiungere le cozze, una spolverata di prezzemolo fresco a piacere  e servire.

ECCO QUALCUNO CHE LA DOMENICA SI RIPOSA VERAMENTE... ANCHE GLI ALTRI GIORNI, VERAMENTE....

You Might Also Like

10 commenti

  1. Ma che bel micio!!!
    Lo sai che alla fin fine la domenica lavoriamo più degli altri giorni? e il bello è che non ce ne accorgiamo perché non abbiamo i vincoli degli orari. Ricetta squisita e ricca di sapori. un bacio

    RispondiElimina
  2. Ma sai che anch'io ho mangiato per la prima e ultima volta la paella in viaggio di nozze a Ibiza?...............
    Forte il broccolo!!!!
    Grazie per gli auguri!!!!
    baci
    Francy

    RispondiElimina
  3. Potevo perdermi la paella! Assolutamente no!!! Visto che una vera ricetta non esiste della paella ti faccio i complimenti per la tua. Mi permetto solo un consiglio, che a suo tempo mi è stato dato da un valenciano, per la carne è sempre meglio usare pollo e coniglio e se con l'osso meglio ancora! Un bacio

    RispondiElimina
  4. Mi dimenticavo di dirti....non fare il csi con tuo marito....non serve! Un uomo, quando tradisce, si vede all'istante! Un bacio

    RispondiElimina
  5. Non preoccuparti ,,,siamo noi che ci facciamo tante fantasie....gli uomini preferiscono la paella ( ...il resto è troppa fatica , succede solo nei film...) buona settimana

    RispondiElimina
  6. Sono stata a Valencia questo natale!!
    mmm quanti ricordo con questa ricettina *_*
    bravissimaaaaaa:**

    RispondiElimina
  7. Concordo con Stefania, alla domenica si finisce (o meglio, le donne finiscono) per lavorare più degli altri giorni... ma per fortuna potendo scegliere (almeno un pò) tempi e modi!! La paella dev'essere buonissima!! Bella la vita da pascià del micio (o micia?), salutoni

    RispondiElimina
  8. accidenti, è veramente un lavoro! però deve essere stata una delizia per il palato!:)

    RispondiElimina
  9. bellissima e gustosa paella brava!! baci

    RispondiElimina
  10. Buonissima la tua paella, c'è un pò di lavoro da fare ma ne vale veramente la pena! certo che se avessimo avuto la salsiccia proprio ..quella..mi pare che si chiami ciorizo ma non ne sono sicura, sarebbe stata al massimo!
    A presto e buona serata
    ciaoooo

    p.s. complimenti per il tuo bel micione

    RispondiElimina

Lasciami un commento!