I CONSIGLI DEL MERCOLEDI': I LIEVITATI DOLCI. PREPARIAMO INSIEME LA TORTA DELLE ROSE?

By mercoledì, aprile 13, 2011 , ,


IMPARIAMO INSIEME!


Sono stata parecchio latitante in questi giorni.
Non ho fatto in tempo a dichiarare che volevo occuparmi di più del blog che la vita quotidiana mi ha risucchiata in una serie di impegni che non hanno lasciato spazio per niente altro.
Niente di grave o straordinario per fortuna, solo una mamma che è sempre in netta minoranza rispetto ai suoi quattro (e a volte sembrano otto) figli, una donna che lotta quotidianamente per restare a galla... a volte è una fatica!!!
Così, visto che non si può fare tutto, a risentirne di più è stata la cucina: in questa settimana ho nutrito la famiglia con pastasciuttine veloci (pomodoro e basilico che per fortuna il basilico è tornato!), panini e bistecchine e insalata.
Per cucinare seriamente non c'è stato il tempo.
E se non si cucina niente di buono... niente ricette sul blog!
Ma un impegno è un impegno.
Devo ringraziare le amiche che mercoledì scorso sono passate a lasciare il loro commento. Mi hanno incoraggiata e dato preziosi consigli.
Così eccomi qui per provare a continuare il momento settimanale di consigli e confronti.
Mercoledì scorso ho cercato di mettere insieme un po' di consigli (testati sulla mia pelle...) per quello che riguarda la preparazione dei lievitati. In realtà solo un po' di dritte per chi comincia da zero. Questo è lo scopo di questo spazietto settimanale.
Oggi vorrei continuare a parlare di lievitati (ma quanto mi piacciono?), però di lievitati dolci.
Ammetto che il web è pieno di ricette fantastiche per la preparazione soffici brioches e profumati panettoni ma, decisamente, sono ricette (e procedimenti) che possono intimidire non poco chi è alle prime armi.
Spero che la volta scorsa qualcuna abbia provato a realizzare una pizza o una focaccia o magari una bella pagnotta morbida.
Quando però la ricetta è quella di un dolce e quindi prevede ingredienti come burro e uova ci sono degli accorgimenti da usare.
Prendiamo per esempio quello che è il dolce tipico della mia zona, Verona e dintorni, la TORTA DELLE ROSE.
E' un dolce buonissimo oltre che estremamente scenografico ma è semplicissima da realizzare con alcuni trucchetti.
Intanto gli ingredienti:
500 grammi di farina manitoba (sempre lei e qui non si sgarra, non c'è lo stesso risultato con un'altra farina)
150 ml di latte
100 grammi di zucchero
70 grammi di burro
un cubetto di lievito di birra
2 uova
un pizzico di sale
essenza di vaniglia
Per la crema al burro:
100 grammi di burro
130 grammi di zucchero
essenza di vaniglia
- Cominciamo a fare il nostro panetto col lievito di birra come spiegato la volta scorsa.
Solo che ora useremo 150 grammi di farina, il cubetto di lievito, un cucchiaino di zucchero e diluiremo il tutto col latte (100 ml) appena tiepido (ricordiamo come è importante la temperatura: non deve essere troppo caldo ma neppure freddo, io mi regolo mettendo una goccia sul polso, se è della stessa temperatura va bene...)
- Mettere in una ciotola la farina restante e unirvi il burro a temperatura ambiente. Io di solito incorporo il burro a pezzettini creando delle "briciole" di farina e burro. E'un metodo semplice per distribuire bene il burro in tutto l'impasto.
- Unire l'impasto di lievito e il latte rimasto e gli altri ingredienti. A questo punto impastare energicamente come spiegato la volta scorsa e con le stesse modalità degli impasti salati porre a lievitare.
- Dopo un paio d'ore riprendere l'impasto e stenderlo col mattarello: dovete ottenere un rettangolo dello spessore di un centimetro.
- Preparate la crema al burro: lavorare energicamente con un cucchiaio di legno (io ultimamente uso quelli in silicone e mi trovo molto bene) il burro morbido (conviene toglierlo dal frigo quando si inizia a preparare l'impasto così sarà della giusta consistenza) con lo zucchero e l'aroma di vaniglia.
- Spalmare la crema al burro sul rettangolo di pasta e arrotolarlo dal lato più lungo.
- Tagliare il rotolo in cinque parti uguali.
- Rivestire una tortiera dai bordi alti con carta da forno, disporvi i tronchetti mettendone uno al centro e gli altri intorno tenendoli un po' distanziati.
- Porre a lievitare per un'ora.
- Cospargere la superficie di zucchero e mettere in forno caldo a 180° per 40 minuti.
Attenzione:
- la superficie a causa dello zucchero colorerà molto rapidamente. Per ovviare a questo inconveniente e per evitare di avere una torta bruciacchiata nella parte superiore regolo il forno in modo da avere il calore solo nella parte inferiore per i primi venti minuti. Ho notato che così la torta si cuoce in modo più uniforme.
- infornare sempre nella parte bassa del forno.
- Quando si uniscono all'impasto le uova è meglio sbatterle prima leggermente. Sarà più facile incorporarle in modo uniforme.
- E' meglio che gli ingredienti (uova, burro, latte ecc.) che si uniscono ad un impasto per lievitati dolci non siano freddi di frigorifero per non compromettere la lievitazione.
La torta delle rose è il dolce più amato dai miei figli, persino dal mio ultimogenito che non è propriamente un mangione!
Certo è un dolce calorico (purtroppo) ma limitando le porzioni o consumandolo a colazione forse si possono arginare i danni...
Ovviamente questi sono solo i consigli di una mamma che cucina e non di un cuoco.
Derivano dalla mia personale esperienza e non hanno certo la pretesa di insegnare nulla.
Lo spirito con cui li posto è lo stesso con cui vi scriverei la ricetta su un foglietto di quaderno mentre sorseggiamo un caffè: senza pretese e con la massima semplicità.
Fatemi sapere se vi sono stata utile, commentate, fate domande e criticate. Questo spazio è per il confronto fra amiche.
Anna

You Might Also Like

10 commenti

  1. Di solito non lascio commenti nei blog ma volevo ringraziarti perchè le tue istruzioni sono dettagliate e precise e anche quelli che non sono molto bravi, come me, possono seguirle senza problemi. Spero di trovare altre informazioni mercoledì prossimo.
    Laura

    RispondiElimina
  2. Ma che bello! Hai scritto come si fa la torta che mi piace un sacco ma che non ho mai provato a fare... grazie Anna!! Un bacio

    RispondiElimina
  3. Uffa ma perchè non abitiamo nella stessa città??? Sarei venuta a mangiare una rosellina della tua torta!
    Buonissima, proverò questa ricetta subito dopo la Pasqua e ti farò sapere.
    Ciao Anna.

    RispondiElimina
  4. ciao! l'ho provata a farla una volta, ma ho usato la farina semplice. Proverò di nuovo seguendo le tue istruzioni! grazie :)

    RispondiElimina
  5. Domani compro uova e lievito di birra... voglio stupirti con effetti speciali! Grazie mille, Anna.

    RispondiElimina
  6. devo provare assolutamente
    brava
    grazie

    RispondiElimina
  7. forse seguendo le tue indicazioni troverò il coraggio di proovarala a fare , una collega è bravissima nel cucinarla ed io vorrei tanto anch'io!!grazie e tieni duro supermamma!

    RispondiElimina
  8. Ragazze provate a farla, è davvero semplicissima da fare. Questi "trucchetti" me li ha insegnati una signora veronese doc che sforna dei veri capolavori. Provare per credere...
    Baci a tutte
    Anna

    RispondiElimina
  9. Ciao Anna!! Come promesso eccomi qui da te :-)
    Inanzitutto complimenti, ho letto che sei mamma di 4 figli e deve essere un'avventura stupenda ogni giorno, anche se a volte un "pò complicata" :-) Io straadoro i bambini!! E complimenti anche per il blog che è molto ma molto carino!!
    Ti seguirò ben volentieri anche perchè ho già visto un paio di ricette da scupiazzar eheheh!!
    buon fine settimana anche a te
    tanti baci

    RispondiElimina
  10. anch'io di solito non commento. Ho provato la tua ricetta....veramente ottima. soffice e dolce allo stesso tempo, così come è semplice ma sincero ed accogliente il tuo blog. COMPLIMENTI! Da buona siciliana proverò la torta con un ripieno di mandorle o di nocciole...buona pasquetta a te e famiglia!
    maria grazia da messina

    RispondiElimina

Lasciami un commento!