PANE ALLO YOGURT CON MELE E CANNELLA...

By sabato, settembre 17, 2011 , , , ,


Il pane è vita.
E' magia... è amore...
Il pane è nutrimento per il corpo e simbolo di nutrimento per l'anima.
Attraverso le mani che lavorano l'impasto trasmettiamo i nostri sentimenti, le nostre emozioni.
Ecco che se siamo malinconici il pane profumerà di tristezza e di nostalgia...
Viceversa il pane impastato in una cucina piena di risate e chiacchiere avrà un gusto allegro ed euforico...
E mai, anche seguendo la stessa ricetta, il pane avrà per due volte lo stesso sapore.
Questo è un pane speciale.
Dentro ci sono la dolcezza delle mele, la morbidezza dell yogurt, l'aroma pungente della cannella...
L'ho impastato pensando ad una bambina che ormai è una giovane donna.
Ho ricordato i suoi primi passi, malferma sulle gambette cicciotte, con una determinazione nello sguardo che l'ha accompagnata in tutte le sue scelte.
Ho ricordato le lacrime per un ginocchio sbucciato e quelle per il primo amore sui banchi di scuola.
Ho riso pensando a tutte le cose buffe che ha detto nei suoi diciannove anni di vita.
Ho sorriso pensando a tutte le cose buffe che dirà in futuro e a tutte le cose meravigliose che sarà capace di fare.
E mentre le mani lavoravano quella massa morbida e profumata una lacrima di tenerezza è scivolata sulla mia guancia...
Poi, mentre il caldo profumo del pane si spandeva per la casa, ho aiutato la figlia numero uno a preparare la sua valigia.
Perchè ormai è grande.
Perchè parte per Milano e lì vivrà per i prossimi tre mesi tornando a casa solo per il fine settimana.
Perchè ha scelto di non arrendersi. Ha scelto di non rinunciare ai suoi sogni e io appoggio incondizionatamente questa sua decisione.
La figlia numero uno non è riuscita a entrare alla facoltà universitaria che voleva frequentare: era una missione quali impossibile, una manciata di posti per un numero esorbitante di richieste.
Ha deciso di prendersi un anno di pausa e di riprovarci l'anno prossimo.
Sarà un anno di lavoro e di studio. Un anno di crescita e di esperienze nuove.
Un anno in cui per la maggior parte del tempo sarà lontana da me, da noi, da casa...
Prima tappa Milano e poi... chissà...
Così, mentre tagliavo questo pane dal profumo favoloso, ho pensato a una frase che ho letto tanti anni fa e che diceva più o meno così
"Avere un figlio significa accettare che d'ora in poi una parte del nostro cuore possa andare in giro per il mondo..."


INGREDIENTI
400 grammi di farina manitoba
200 grammi di farina integrale
due mele tagliate a pezzetti
mezzo cubetto di lievito di birra
un vasetto di yogurt bianco (io ho usato lo yogurt greco, molto denso e cremoso)
due cucchiai di miele
un pizzico di sale
una spolverata di cannella
acqua a temperatura ambiente qb

Sciogliere il lievito con il miele in mezzo bicchiere d'acqua.
Mettere le due farine in una ciotola e formare una fontana al centro.
Porvi le mele, lo yogurt, la cannella e il pizzico di sale. Aggiungere il lievito.
Cominciare a lavorare con le mani per amalgamare bene tutti gli ingredienti.
Se è necessario aggiungere qualche cucchiaiata d'acqua ma solo dopo che tutto il liquido è assorbito.
Trasferire l'impasto sul tavolo infarinato e cominciarlo a lavorare con energia.
Quando è morbido ed elastico trasferirlo in una ciotola capiente, coprirlo con un canovaccio leggermente umido e lasciar lievitare a temperatura ambiente per circa due ore.
Riprendere l'impasto e lavorarlo di nuovo sul tavolo per qualche minuto.
Per dargli la forma a ciambella io l'ho messo in uno stampo in silicone stando bene attenta a distribuirlo equamente su tutta la superficie.
Coprire e lasciare lievitare ancora per un'ora.
Cuocere in forno già caldo a 200 gradi per 20-25 minuti.
Per essere sicuri che il pane sia cotto provare a batterlo delicatamente con un cucchiaio di legno. Se farà un suono sordo il pane è pronto.
Sfornare e lasciarlo intiepidire su un canovaccio.



Con questa ricetta partecipo (sul filo del rasoio perchè domani è l'ultimo giorno...) al contest di Mamma Papera

You Might Also Like

14 commenti

  1. Che belle parole Anna. E che bel pane anche, è vero quello che scrivi e impastare tra risate e chiacchiere è tutto più bello! Buona serata carissima un bacione

    RispondiElimina
  2. Che belle cose hai scritto!!!
    Ti abbraccio forte, niente parole superflue, solo un abbraccio e un bacio enorme!

    RispondiElimina
  3. ciao grazie della ricetta bellissimo post e bellissimo pane ^^
    mai provato con le mele e cannella quindi appena il pdf è pronto lo provo
    imbicca al lupo e dolce notte

    RispondiElimina
  4. Questo pane deve essere strepitoso..Ma il post lo è di più!! In bocca al lupo alla tua ragazza ..e anche a te! baci Dana

    RispondiElimina
  5. Anna, che bel post!Tanti auguri a tua figlia e un abbraccio a te che come mamma la seguirai passo dopo passo.
    ciao,
    Valentina

    RispondiElimina
  6. Anna fai tanti auguri alla figlia numero uno! Essere le numero uno consta sempre fatica...dovrebbe saperlo...
    Se però tu prepari queste golosità, lei stai sicura che a MIlano piangerà lacrime amare!
    Coraggio! E buona domenica!

    RispondiElimina
  7. Il pane è proprio poesia.Anche se ancora non ci conosciamo bene ho capito che abbiamo in comune la sensibilità,mi sono commossa.E' bello un blog di ricette e sentimento.Baci,Rosetta

    RispondiElimina
  8. Condivido in pieno ciò che dici e mi lascio affascinare da questo tuo pane!
    In bocca al lupo per il contest a cui partecipi,
    Tiziana

    RispondiElimina
  9. lA RICETTA è DELIZIOSA E SUL RESTO HAI PIENAMENTE RAGIONE...IN BOCCA AL LUPO ALLA TUA RAGAZZA!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Mia cara Anna m'incanti sempre con le tue parole! Anche mia figlia è lontana da casa, mi hai commossa !
    Il profumo del tuo pane è arrivato anche qui!
    Ti abbraccio
    Francy

    RispondiElimina
  11. Ciao cara, che meraviglia di creazione! La provero' senza dubbio anche perche' non mi e' sembrata eccessivamente complessa! Bravissima!

    RispondiElimina
  12. Credo che tu possa essere proprio orgogliosa della figlia numero uno... <3

    Ah! E quest'anno le lezioni del mercoledì?! Non penserai di cavartela, vero? Ho già fatto la pre-iscrizione...;-)

    RispondiElimina
  13. @Valentina: grazie.... le risate e le chiacchiere fanno sempre bene, anche quando non si fa il pane...
    @Simona: ricambio bacio e abbraccio...
    @Mamma Papera: grazie, spero che tu lo provi e che ti piaccia, e un po' spero anche di vincere :)
    @Dana: grazie!!!!
    @Valentina: hai ragione, la seguirò passo passo anche da lontano...noi mamme mica ci facciamo scoraggiare dalla distanze!!!
    @Marcella: concordo con te, anch'io sono una figlia numero uno....
    @Rosetta: sei davvero una persona dolcissima!
    @Tiziana: grazie, speriamo che il tuo in bocca al lupo mi porti bene... ti farò sapere...
    @Mari e Fiorella: grazie!!!!
    @Francesca: <3
    Gemma Olivia: ti ringrazio per i complimenti!
    @Antonella: lo sono davvero (orgogliosa intendo) :)... per le lezioni... cominciano a ottobre, ti aspetto al primo banco e ricordati di portare una mela alla maestra!!!!

    RispondiElimina
  14. QUESTO PANE DEVE ESSERE SQUISITO...... da provare. Ciao Monica

    RispondiElimina

Lasciami un commento!