CROSTATA CON PERE E CREMA FRANGIPANE

By giovedì, marzo 03, 2016 ,




Metti una mattina a colazione.
Metti quattro donne, una grande caffettiera, una torta e tante chiacchiere.
Metti che la conversazione si sposti su un argomento fondamentale e alquanto spinoso: "Perchè Banderas si è ridotto a fare il mugnaio?".
Già, Antonio, perchè?
Perchè uno strafigo come te, sexy come pochissimi a questo mondo, dopo aver fatto mancare il fiato a milioni di donne mentre ti muovevi sinuoso come una pantera nera in "Ti va di ballare?", adesso impasta biscotti e disserta degli amori infelici di una gallina?
Antonio guarda, bello resti bello ma.... capisci che un uomo che taglia i biscotti con uno strumento del secolo scorso e li vuole "inzupposi" uccide automaticamente ogni ormone?
Povero Antonio mio... ti hanno ridotto alla versione un po' più adulta di Tonio Cartonio! Ormai parli pure come lui, aspetto con terrore lo spot in cui ti costringeranno a cantare una filastrocca per bambini in rima baciata... e quello segnerà la fine di un'epoca. L'epoca in cui eri un figo da paura.
Che poi, Anto', fossi l'unico...
Vogliamo parlare di Bruce? Parliamone.
Da eroe tutto muscoli e sex appeal si è trasformato in un vecchietto rincoglionito che si perde su una strada della campagna italiana perchè, pur essendo un divo americano che suda dollari, non ha un cavolo di telefonino con una connessione decente e viene salvato da un tizio parecchio burino che, pur viaggiando su un improponibile veicolo pronto per la rottamazione, possiede un cellulare di ultima generazione e una connessione di quelle che ti portano sulla luna e ritorno in un millesimo di secondo.
Lo ritroviamo poi (non si sa come e perchè) in una casa dove, abbracciato a un portatile e  più confuso di un malato di alzheimer, vaga bofonchiando "prende? prende?". Già mi immagino fuori campo l'infermiera pronta con la pillolina per tenerlo calmo.
La domanda è sempre la stessa: perchè????
E Kevin? Bellissimo da capogiro in Revenge lo ritroviamo in Italia anche lui (ma che è? siamo diventati la morte nera dei sex symbol?), imbolsito e fasciato da una vezzosa e inquietantemente femminile sciarpina mentre mangia tonno direttamente da una scatoletta. E adieu Kevin...
Anto' dimmelo, cosa vi hanno fatto? Come di hanno convinti? C'è la mafia dietro tutto questo? Vi hanno minacciati? E' stato Salvini? Parla!!!!
L'unico che ancora si salva, che ancora mantiene un barlume di mascolino orgoglio è George.
Certo, a furia di bere caffè finirà un po' esaurito ma... almeno è ancora dignitoso mentre tu (e Bruce e Kevin...) avete perso la dignità nel momento stesso in cui siete finiti nelle mani dei pubblicitari italiani.
Ora resta solo da capire chi sarà il prossimo...
Anto'... non mi mi dire che sarà Leonardo perchè non ce la posso fare!!!!
Leo, dai retta a me, non cedere altrimenti era meglio affondare col Titanic... ma veramente però...


INGREDIENTI
(per la frolla)
300 grammi di farina per dolci
130 grammi di burro a temperatura ambiente 
80 grammi di zucchero
1 uovo intero e un tuorlo
la scorza grattugiata di un limone
mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia
la punta di un cucchiaino di lievito per dolci
(per la crema frangipane)
100 grammi burro molto morbido
90 grammi di zucchero
100 grammi di farina di mandorle
3 cucchiai rasi di maizena 
1 uovo 
1 cucchiaio di brandy (facoltativo)
tre pere grosse o quattro piccole
zucchero a velo

(ingredienti facoltativi ma consigliati)
una mattinata libera
almeno tre amiche
tanto caffè
una conversazione impegnata

Questa crostata è liberamente tratta dalla ricetta di Lorraine Pascal.
Per la frolla ho messo nel mixer la farina, il burro e lo zucchero, ho azionato e ho aggiunto a mano a mano tutti gli altri ingredienti (uovo e tuorlo, buccia di limone, estratto di vaniglia e lievito.
Appena gli ingredienti si sono amalgamati ho versato sul piano di lavoro e ho lavorato brevemente fino ad ottenere una palla.
Ho fatto riposare per un'ora in frigorifero.
Nel frattempo ho preparato la crema frangipane montando con le fruste il burro con lo zucchero, la farina di mandorle, la maizena, l'uovo e il brandy.
Ho acceso il forno a 180 gradi.
Ho foderato la mia tortiera con la frolla tirata allo spessore di mezzo centimetro.
Ho versato all'interno la crema e vi ho disposto sopra le pere tagliate a quarti (le mie erano grosse, se le usate più piccole tagliatele solo a metà).
Ho cotto la crostata per 35 minuti ma voi regolatevi col vostro forno: la crema dovrà risultare gonfia e dorata.
Ho spolverizzato con zucchero a velo.





You Might Also Like

25 commenti

  1. Avrei evitato il riferimento all'alzheimer. Non è giusto prendere in giro i malati di alzheimer informati bene su quanto è grave questa malattia. Sarebbe meglio riflettere prima di scrivere scemenze per strappare un like. Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola. Ma davvero di tutto il post tu hai recepito solo la frase riguardo all'alzheimer? Se è così forse dovrei rivedere il mio metodo di comunicazione. Non era mia intenzione offendere nessuno nè mai mi permetterei. E, credimi, strappare un like non è la mia priorità. Era una battuta, nel contesto di un post leggero. Hai presente la leggerezza?

      Elimina
    2. Certo che ho presente cos'è la leggerezza e trovo che una malattia non sia qualcosa di cui scherzare. Sono colpita dalla tua insensibilità ma che razza di pessima persona sei? Vergognati và. Hai presente il pudore? ecco mi sa di no

      Elimina
  2. Paola datti una calmata, se ti senti punta sul vivo non è questo il luogo per sfogarti. Piangersi addosso non fa bene a nessuno, chiunque di noi potrebbe avere a che fare con malattie del genere e cosa dovremmo fare? Pensi che lei o altre lettrici non abbiamo storie di malattie in famiglia o tra gli amici? Ecco ho imparato anche a mie spese che la leggerezza e una risata non alla faccia del malato ma con il malato è un modo per incoraggiare e distrarre non per prendere giro. Se tu preferisci le lacrime e il livore cambia blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto mi sembra che questo sia un blog aperto a tutti e visto che siamo in un paese democretico ho espresso la mia opinione e non farti film in testa non ho avuto parenti malati o storie tragiche semplicemente non mi piaciono quelli che vogliono far ridere per forza senza comunque riuscirci come la tua amica

      Elimina
    2. Certo ma libertà di parola non significa libertà di essere maleducata, poi se i tuoi pareri li esprimi sempre così allora non so bene che problemi hai, mi spiace per te, non mi faccio film, vedo che la realtà per alcuni è già così dura... tante belle cose!

      Elimina
  3. eh cosa non si fa per i soldi...anche recitare in queste pubblicità cretinette italiane.eh poveri noi...meno male Annina che io ho la mia manovalanza...hai presente...che omi...quelli non si presterebbero a queste orrende pubblicità...comunque questo post stamattina mi ha messo un pò di allegria e viva le leggerezza... brava...ci vuole un pò più di leggerezza a questo mondo...che ci aiuta sempre ad affrontare difficoltà, problemi e perchè no anche le malattie...perchè la pesantezza fa ammalare...meditate gente...meditate...vai Annina...continua in leggerezza...dai retta...un bacio Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La leggerezza salverà il mondo Anna, ne sono convinta ♥

      Elimina
  4. sarebbe stato evviva ehhh...

    RispondiElimina
  5. Ma tu dici che funziona al contrario????
    Dici che se portiamo, non so, Lino Banfi a Los Angeles ci si trasforma in un James Bond???
    Leggero il post, friabile la crostata..ma il like non te lo do, mi hai offeso Rosita!

    Didi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehh Diana non lo so, bisognerebbe provare!
      Comunque io Rosita non l'ho offesa... sono consapevole del suo fascino pennuto!!!!

      Elimina
  6. L'allegria è la prima terapia per tutte le malattie,anche quelle "serie" anche quelle brutte.E purtroppo nessuno di noi è esente dal conoscere queste realtà.Essere persone serie e buone non vuol dire affatto non saper sorridere delle brutture che la vita ci presenta,anzi. Un bacio Anna.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Risposte
    1. Sììììì... che bello avete notato la crostata!!!!!!!!!! E' vero, è buonissima!!!!!!

      Elimina
  9. Cara Anna che adoro te e il tuo blog già lo sai ,concordo con te che questi ex sex symbol sono finiti parecchio male ,e da parte mia ti dico di continuare a scrivere i tuoi post con leggerezza che di pesantezza a questo mondo ce nè già troppa !!Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Cara Anna ho sorriso leggendo il tuo post,anche se non ti conosco personalmente da quello che ho letto sul blog, su FB non ho mai trovato traccia di cattiveria o di superficialità ! La vita sta diventando sempre più dura e magari la lettrice che si è sentita offesa ha avuto una brutta giornata , oppure è molto sensibile a certi argomenti.....in ogni caso la tua torta è uno spettacolo , la tua gentilezza e umanità si percepisce anche dalla risposta pacata che hai dato ! Ti auguro una buona giornata....
    Piera

    RispondiElimina
  11. Io ho visto sul tuo blog la torta,(buonissima),le rose (mie preferite),l'accuratezza delle foto e un'allegrezza diffusa di cui ho sempre bisogno!
    Grande Anna!

    RispondiElimina
  12. Probabilmente tra le crostate più "squisite" che hai postato!!
    Uauuuu!! che bontà!
    Parlo da "basso" chi l'halzeimer lo vive quotidianamente e sentirsi chiamare "signorina" dalla donna cui si nutre l'Amore quello vero fa così male che leggere i post di Anninna, con la sua delicata serenità, è solo una carezza all'anima!
    e allora perchè non polemizzare anche sul "naufragio" del Titanic, visti i dolorosi naufragi cui assistiamo quotidianamente? O perchè non polemizzare sul fatto che stiamo qui, a leggere e respirare un po', per passare 5/10 minuti di spensieratezza, quando lì fuori c'è un mondo che va a rotoli!?!?!??!
    Uhuhuhuuuuu! Come dicono i miei saggi colleghi napoletani "e magnatevela n'emozion'"!
    Un bacione Annina!
    Monica

    RispondiElimina
  13. non sono rose ma garofani rosa, la torta è spettacolare.
    a presto ORIETTA

    RispondiElimina
  14. Uh uh che discussione. ...Anna è così leggera. ....firse la crostata un po' meno con tutto il suo buon burro....ma sicuramente buonissima. La proverò! !!

    RispondiElimina

Lasciami un commento!