GIRELLE AL MIELE CON CANNELLA E UVETTA... NIENTE VETRIOLO PER OGGI

By martedì, ottobre 22, 2013 , ,


Doveva essere un altro post...
Dovevano essere un pan brioche e parole al vetriolo ma, riflettendoci bene, pan brioche e vetriolo non stanno tanto bene insieme.
E' che ci sono giornate (come la mia di ieri) che cominciano male, proseguono peggio ma poi, finalmente, finiscono quindi è meglio fermarsi, fare un bel respiro e contare fino a cento (mila).
A volte è difficile, in particolare quando (per qualche strana combinazione astrale) sembra che tutti si siano messi d'accordo per farti arrabbiare.

Che ti piacerebbe che gli altri rispettassero il tuo lavoro come tu rispetti il loro.

Ma ci hai dormito su, ti sei (abbastanza) calmata...
E poi, parliamoci chiaro, tu i post al vetriolo mica li sai scrivere... la gatta Miranda li sa scrivere molto meglio di te...

Magari chiederò a lei di scriverlo al posto mio... magari...

*******

INGREDIENTI 
300 grammi di farina manitoba
un cucchiaino raso di lievito di birra disidratato 
2 uova 
120 grammi di burro morbido
60 grammi di zucchero di canna
150 millilitri (circa) di latte appena tiepido
un cucchiaio di miele
un cucchiaino raso di cannella
Per il ripieno:
miele
uvetta
Per rifinire:
ancora poco miele e un cucchiaio di zucchero di canna

Avevo in mente quei dolcetti morbidi e profumati che trovavo in panificio a Milano qualche anno fa.
Li adoravo e mi hanno accompagnata per tutta la gravidanza della figlia numero uno (con buona pace del ginecologo che "stiamo mettendo su un po' troppo peso signora!".
Così, dopo le solite ricerche sul web, dopo aver scartato ricette su ricette (come sempre perchè ho la testa dura e voglio sempre fare a modo mio... "questa ha troppo lievito"... "quest'altra poca cannella" ... "questa viene troppo dolce", dopo un tentativo miseramente fallito (sono venute 'na schifezza) ecco le mie girelle al miele con cannella e uvetta! 

Ho messo in una ciotola capiente la farina, ho fatto una fontana in mezzo e ho versato il lievito, un cucchiaio di miele, le uova leggermente sbattute, il burro a pezzetti,  lo zucchero, la cannella.
Ho cominciato ad impastare versando il latte a filo. (Aggiungerlo poco alla volta e solo dopo che il precedente si è ben assorbito, se vi sembra che stia diventando troppo molle non aggiungetelo tutto).
All'inizio è un po' appiccicoso e fatica ad incordarsi. Bisogna lavorarlo a lungo finchè diventa liscio ed elastico.

Ho messo a riposare l'impasto in una ciotola coprendolo con della pellicola da cucina. Ho preferito tenerlo lontano da fonti di calore perchè la lievitazione lenta rende il prodotto finito più digeribile. Nella mia cucina ha impiegato tre ore a raddoppiare di volume.

Ho ripreso il mio impasto e l'ho lavorato brevemente per sgonfiarlo.
L'ho poi steso con il mattarello formando un rettangolo dello spessore di un centimetro circa.
Ho spennellato con il miele ed ho cosparso di uvetta.
Ho arrotolato bene dal lato più lungo.

A questo punto nasceva il problema di riuscire a tagliare le girelle in modo preciso. Ho deciso di ispirarmi alla ricetta delle "girandole di pizza" che prevede il riposo del rotolo in freezer per una decina di minuti.
Infatti, dopo dieci minuti al freddo, sono riuscita a tagliare delle (quasi) perfette girelle di un centimetro circa di spessore.

Le ho posizionate sulla placca ricoperta di carta da forno e le ho lasciate lievitare ancora mezz'ora.
Ho rifinito le girelle spennellandole con pochissimo miele e cospargendole con poco zucchero di canna. 

Ho infornato a 170 gradi (forno già caldo) per una ventina di minuti.
Le mie girelle si sono colorite un po' troppo, vi consiglio di controllarle dopo 15-18 minuti.

Sono meravigliose a colazione!




You Might Also Like

5 commenti

  1. ...a me la cannella nei piatti piace sempre poco, ma il suo profumo che innonda la cucina mi piace eccome!

    RispondiElimina
  2. Ecco vedi lo dicevo io....molto meglio un dolcetto che il vetriolo :D
    Che poi parliamoci chiaro.....è vero che una si sfoga e tira fuori i rospi,ma alla fine se non hai l'animo al vetriolo ti resta solo la bocca amara e un gran senso di smarrimento e tristezza....
    Buon martedì mia cara e provo oggi stesso le girelle :D <3
    Un forte fortissimo abbraccio simo

    RispondiElimina
  3. Che buone! Mmmm... Voglio assolutamente provare: grazie per la ricetta!
    Buona giornata
    Carla.

    RispondiElimina
  4. io la cannella la adoroooo... e questa ricetta è tutta da provare
    buonissime le girelle!
    baci

    RispondiElimina
  5. adoro il profumo della cannella che si espande per la casa....queste girelle hanno un aspetto invitantissimo!!

    RispondiElimina

Lasciami un commento!