FOCACCINE AL ROSMARINO CON FARINA DI CECI... DO YOU SPEAK BLOGGESE?

By lunedì, febbraio 23, 2015 , , ,


Quando, anni fa, ho aperto il blog non avevo la più pallida idea di cosa stessi facendo.
Voglio dire, ci si mette pochi minuti ad aprire un blog su blogger, può farlo anche un bambino.
Così cominci, scrivi qualche post, guardi le statistiche e ti capitomboli dalla sedia mentre fai la ola perchè scopri che ti hanno letta in 12 (di cui la zia, le amiche, le tue cugine e un paio di vicine di casa).
Poi quel numerino inizia a salire e tu ti esalti sempre di più anche se non hai la più pallida idea del perchè aumentano le persone che hanno voglia di leggerti.
A distanza di anni poche cose sono cambiate: ho imparato a fare foto mediamente decenti, ho cambiato la grafica del blog ed è cambiato di parecchio il famoso numerino.
Il fatto è che ancora non capisco come mai il numerino cambia.
Negli anni devo ammettere di aver provato (poche volte) ad informarmi meglio, a cercare di capire come si fa a bloggare in modo professionale ma mi sono sempre persa dopo poche parole scritte in un linguaggio alieno.
Parole come "seo", "pagerank", "views", " insight",  mi fanno girare la testa.
Alcune mail scritte da aziende e agenzie pubblicitarie mi mandano in crisi.
"Gentile blablabla..... saremmo interessati a blablabla..... per questo le chiediamo... pageview di analytics... blabla... frequenza di rimbalzo...dashboard...target..."
Ussignur...
Ma che cosa vuoi sapere di preciso? Dimmelo in parole povere!!!
Abbi pazienza, dimmi esattamente dove devo guardare e qual è il numerino che vuoi sapere. E non lo so se quel numerino è positivo o negativo... non so nemmeno cosa voglia veramente dire.
Altro esempio. Leggo che qualcuno (blogger) si lamenta di non poter scaricare nessun plugin. Che vorrà mai dire? E' grave? Io li ho mai scaricati? (Se sì giuro che non l'ho fatto apposta).
Leggo post che contengono parole come "affinità visuali" o  "networking" e mi viene da battere la testa sulla scrivania: cosa c'è di sbagliato in me?
Un'azienda mi ha chiesto i dati dei miei "insight di Facebook".
Cosa devo rispondere? Sono tentata di proporre loro un cestino pieno di focaccine in stile Cappuccetto Rosso, così, tanto per distrarli. Ma non credo che funzionerebbe.
Perchè non riesco ad imparare questa lingua aliena? Perchè????
Amiche, colleghe blogger... voi come ve la cavate con il "bloggese"?
Perchè, se non fosse ancora abbastanza chiaro, questo è l'accorato grido di aiuto di una donna che non riesce ad uscire dal tunnel delle pagerank (di qualsiasi cosa si tratti...).


INGREDIENTI
300 grammi di farina forte (io manitoba)
200 grammi di farina di ceci
rosmarino
mezza bustina di lievito di birra secco
un cucchiaio di miele
olio extravergine
sale
acqua q.b.



Adoro la farina di ceci, mi piace il profumo e la consistenza e la uso parecchio, sia per ricette classiche (qui) che per altre più originali (qui).
Ho assaggiato il pane fatto con farina di ceci in un panificio l'estate scorsa e mi è venuta voglia di provare a fare delle focaccine.
A casa mia sono piaciute moltissimo e, secondo me, si possono provare a fare anche utilizzando altre erbe aromatiche (origano, timo, salvia...).
Io, per mio gusto personale, ho preferito ridurre la quantità di lievito aumentando i tempi di lievitazione ma, se avete fretta, potete usare una bustina intera dimezzando i tempi.
In una ciotola ho mescolato le due farine insieme a due cucchiaini rasi di sale.
Ho creato una fontana nel centro e ho versato il lievito, il miele e due cucchiai d'olio.
Ho poi cominciato ad aggiungere l'acqua a temperatura ambiente, mescolando fino ad ottenere un composto liscio.
Ho lavorato a lungo (almeno dieci minuti) l'impasto sulla spianatoia e poi l'ho trasferito in una grossa ciotola leggermente unta. Ho coperto con della pellicola da cucina e l'ho lasciato lievitare a temperatura ambiente per circa quattro ore.
Ho ripreso l'impasto e l'ho steso allo spessore di circa due centimetri.
Con un coppapasta ho tagliato le focaccine e le ho lasciate lievitare ancora per circa quaranta minuti.
Nel frattempo ho tagliuzzato il rosmarino e l'ho lasciato in infusione in mezza tazzina d'olio.
Ho acceso il forno a 190 gradi, ho spennellato le focaccine con l'olio e il rosmarino, ho cosparso con il sale e ho infornato per circa 18 minuti (controllare che non si colorino troppo).




You Might Also Like

21 commenti

  1. Cara Anna, ne so più o meno quanto te! Ultimamente mi sono aggiornata per partecipare al casting di una rivista... Mi si chiedeva un Mediakit e già questo mi sembrava un insulto!! Sono entrata nel mondo di Google Analytics e devo dire che é interessantissimo, Iscriviti e scoprirai tante cose nuove sul tuo blog (sempre che ti interessino!!) come il tempo medio in cui ci si sofferma su una pagine, l'età dei tuoi lettori, da dove arrivano principalmente le visite (paesi e social networks). Mi piace ogni tanto dare un'occhiata, soprattutto perchè vorrei che il mio blog facesse un salto di qualità e diventasse qualcosa di più di un hobby. Quindi, se anche tu hai queste intenzioni, forza e coraggio e fai amicizia col bloggese!!
    Baci
    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu! Ho provato a consultare Analytics ma devo dirti che non l'ho trovato molto chiaro... sono un caso disperato, lo so... Questa cosa del Mediakit mi ha messo l'ansia: se me lo dovessero chiedere che devo fare? Mi sa che ti scrivo per avere istruzioni...

      Elimina
  2. DEVO provarle mamma mia!!!! :-P

    RispondiElimina
  3. oh mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.non chiedere a me ..blogger per caso..

    RispondiElimina
  4. Non sono una Blogger, a questo punto per mia fortuna, e non capisco quel linguaggio...ma capisco benissimo le tue ricette. Devo farle adoro le focaccia e adoro la farina di ceci. ..in testa le panelle siciliane! !!!! Avevo pensato di aprire un blog ma ho desistito anni fa....Leggo te ed altre mi consolo facendo dolci e pani che proponete. ....buon lavoro Anna a questo punto credo ti toccherà studiare questa nuova lingua da blogger! !!😀😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria che buone le panelle! le amo!!!
      Lo so che devo studiare, mi devo applicare... mannaggia -_-

      Elimina
  5. Cara Anna, complimenti per questo tuo blog e per la ricetta. Io non capisco niente di blog e sono già felice poterci entrare e fare dei commenti. Io regolarmente faccio commenti da 3 amiche e questo mi fa tanto piacere. Un abbraccio e buon lavoro. Marcella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marcella sono sempre felice quando passi a salutarmi! Ecco, questo mi piace dell'avere un blog: avere tante amiche che passano a salutarmi!!!

      Elimina
  6. Anna, per ora mi accontento delle tue meravigliose focaccine!!!
    Per il resto sono una frana!! Qualcosina l'ho imparata da Alex del blog C'è crisi c'è crisi....magari puoi dare un'occhiatina anche tu!!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado subito a sbirciare il blog di Alex... grazie!!!!

      Elimina
  7. Cara Anna, il tuo post mi ha fatto morire. Mi ci rispecchio molto, io ho provato tante volte ad informarmi su quei paroloni ma non ci ho mai capito niente e mettici che nessuna agenzia di pubblicità mi ha mai mandato mail, alla fine va bene così.
    Le tue focaccine mi piacciono molto quindi se ti chiedo gli insight di Facebook me ne mandi un cestino? Io ci casco...

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco... mi sa che tu fai parte della mia stessa categoria: non abbiamo speranze!
      vabbè, dividiamoci le focaccine... agli insight penseremo un'altra volta... Ma che sono poi? Si è capito?

      Elimina
  8. Ciao! nonostante la farina di ceci sia notoriamente senza glutine....bè, ti son riuscite una meraviglia!!
    Alte, soffici e profumate....proprio bravissima! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manuela e Silvia grazie! Troppo gentili! Credo che il merito in realtà vada alla farina manitoba che non tradisce mai e alla lunga lievitazione. Anche la lavorazione lunga dell'impasto ha aiutato...
      Un abbraccio ♥

      Elimina
  9. Mi fai morire dalle risate Anna sei una vera forza! Non sono blogger e non posso aiutarti col bloggese , ma sono bravissima a mangiare focaccine ,può servire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alda carissima pure io sono bravissima a mangiare focaccine... mannaggia...
      un bacione ♥

      Elimina
  10. Immagina io che sono entrata in questo mondo da poco!!Parole che mi spaventano,ma poi dico,se ce la fai tu da tanto tempo e sei un mito,magari anche io riuscirò a capirci qualcosa...magari...adesso proviamo con le focaccine!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenza... io ce la faccio? No... non ce la faccio proprio...io cucino, fotografo e scrivo il post, così come mi viene e senza troppo pensare a quello che scrivo (per questo alcuni post sembrano sproloqui deliranti)... Però mi diverto, anche senza i seo...
      p.s. Prova le focaccine, almeno quelle sono una certezza
      un bacione ♥

      Elimina
  11. Trovo che le tue focaccine siano assolutamente da copiare, per il resto sono come o peggio di te: realizzo qualcosa, lo fotografo, scrivo quello che voglio dire e quando vedo che qualcuno è andato a leggerlo sono già molto contenta... Tu sei molto brava e presto tutto questo ti sembrerà una banalità... A presto.

    RispondiElimina

Lasciami un commento!